di Romina Velchi

Luciano Violante, uno dei "saggi" incaricati di redigere la bozza sulle riforme istituzionali (con lui Adornato-Udc, Quagliariello-Pdl, Pisicchio-Api e Bocchino-Fli) la chiama «ottimizzazione della rappresentanza politica». Si riferisce, essenzialmente, alla riduzione del numero dei parlamentari che passeranno a 500 dagli attuali 630 alla Camera e a 250 dagli attuali 315 al Senato. Cui si accompagna una «correzione» dell'elettorato attivo e passivo, cioè una diminuzione dell'età per votare al Senato e per essere eletti in parlamento. E per essere più chiaro l'esponente del Pd aggiunge: «La questione dei costi è del tutto marginale».

Leggi tutto...

120218pegolo

di Gianluigi Pegolo

Sul carattere “costituente”  del governo Monti, non dovrebbero esservi dubbi...

Leggi tutto...

120124pegoloSono in corso in diversi comuni italiani, chiamati al voto nella prossima primavera, primarie delle coalizione del centro sinistra per la designazione del candidato sindaco.
Come è noto, il nostro partito ha sempre espresso nei confronti di questo strumento un giudizio critico, pur considerandolo in alcuni casi una possibilità di maggior coinvolgimento degli elettori.
Il giudizio critico nasce dal meccanismo di tipo plebiscitario insito nelle primarie e nella logica presidenzialista che lo accompagna. In ogni caso, abbiamo sempre sottolineato come condizione essenziale per lo svolgimento di primarie sia che la coalizione definisca preliminarmente una cornice programmatica e un perimetro certo dell’alleanza. Con queste premesse in diversi comuni il PRC e la FDS sostengono candidati di sinistra nell’ambito delle primarie. Non sempre però ciò è stato possibile. Il caso più clamoroso è quello di Palermo a cui si aggiunge, fra i comuni maggiori, quello di Genova. A Palermo il Partito Democratico ed altre forze, tra cui SEL, hanno promosso primarie lasciando indeterminato il confine dell’alleanza, con la possibilità, quindi, di una successiva apertura al terzo polo, riproducendo la stessa alleanza che governa la regione e sulla quale abbiano sempre espresso giudizi severi.

Leggi tutto...

elettoraleDi Gianluigi Pegolo

La decisione della Corte Costituzionale di considerare inammissibili i quesiti referendari sulla legge elettorale non può che essere apprezzata. Essa interpreta fedelmente il principio, più volte ribadito nella giurisprudenza costituzionale, ma che i proponenti i quesiti hanno disinvoltamente e colpevolmente disconosciuto, secondo il quale non si può, via referendum, ripristinare una legge precedentemente in vigore. Sul piano più strettamente politico, la sentenza della Corte blocca un'operazione non solo strumentale, ma estremamente pericolosa dal punto di vista democratico, tesa a riproporre il maggioritario di collegio, con l'obiettivo esplicito di indurre una torsione più accentuatamente bipolare nel sistema politico italiano.

Leggi tutto...

111228ischiaIl 17 dicembre scorso Giuseppe Ferrandino (PD), detto Giosi, sindaco di Ischia, già sindaco di Casamicciola Terme, consigliere provinciale di Napoli, assieme a Domenico De Siano (PDL), ex sindaco di Lacco Ameno, ex deputato, attualmente consigliere provinciale di Napoli e consigliere regionale della Campania, hanno annunciato un patto pre-elettorale tra PD e PDL alle prossime elezioni amministrative del 2012 nei comuni isolani di Ischia, Casamicciola Terme e Lacco Ameno.
A detta di De Siano i vertici locali e nazionali del PDL, in Campania retti da Nicola Cosentino, sul quale pende un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per l'accusa di concorso in truffa, falso e violazione delle norme bancarie, sono d'accordo ad allearsi con il PD. Invece Giosi Ferrandino non scioglie ancora il nodo se presentarsi, in questo innaturale apparentamento elettorale, con il simbolo del PD o camuffarsi dietro una o più liste civiche. Ed alle timide rimostranze del commissario provinciale Andrea Orlando, che ha appena decretato la chiusura di oltre 40 circoli territoriali del PD, risponde:”glielo spiegheremo”.

Leggi tutto...

Sostieni il Partito con una


 

Responsabile Gianluigi Pegolo