di Casa Intern. Donne - Roma

La  recente sentenza della Corte di Strasburgo,  che boccia la legge 40/2009 per quanto riguarda gli  articoli  4 e 13, relativi al divieto di diagnosi pre-impianto e alla impossibilità di accedere  alla fecondazione assistita per i coniugi portatori di malattie genetiche,  conferma il parere già espresso da altre sentenze dei tribunali italiani, e dalla stessa Corte Costituzionale (151 /2009) che dichiara illegittima la legge 40, per il divieto di produrre più di tre embrioni e per l’obbligo di impiantarli tutti contemporaneamente (art.14), un procedimento medico di cui non si deve far carico il legislatore e che soprattutto rappresenta  una seria minaccia per la salute materna.

Leggi tutto...

Sostieni il Partito con una