(approvato all'unanimità dalla Direzione nazionale il 15 novembre 2014)

La Direzione Nazionale, a norma dello Statuto, ha approvato il seguente Regolamento.

I. Indennità di funzione del gruppo dirigente
Segretario/a Nazionale: 300 euro.
Segreteria Nazionale, Tesoriere/a Nazionale: 200 euro.
Presidente del Cng.: 200 euro solo nel caso in cui non sia dipendente del Prc.
Segretarie/i Regionali: 200 euro, a carico del Comitato Regionale in base ai propri regolamenti e comunque in misura non superiore alle/ai componenti della Segreteria Nazionale.
L’indennità viene corrisposta per 12 mensilità.
L’indennità di funzione nel caso di dirigenti dipendenti dal Prc si somma alla retribuzione che di norma è riferita all’inquadramento previsto dalla paga base del secondo livello CCNL Commercio.
L’indennità di funzione, così come la retribuzione in caso di dirigenti dipendenti del Prc, non viene corrisposta se la/lo stessa/o percepisce un reddito (ivi compreso la pensione da lavoro o il vitalizio per incarico istituzionale) superiore alla somma tra stipendio base di riferimento e la indennità sopraindicati.
II. Indennità e sottoscrizione al Partito
In conformità con gli artt. 68 e 74 dello Statuto Prc, le/i Parlamentari elette/i alla Camera dei Deputati, al Senato della Repubblica, al Parlamento Europeo hanno un trattamento economico pari a 2.000 euro per 14 mensilità. Ogni altra indennità o emolumento non può integrare il trattamento economico della/del Parlamentare. Il/la Tesoriere/a Nazionale garantisce la connessione tra le esigenze del lavoro politico della/del Parlamentare con quelle del partito, nel rispetto della regolamentazione esistente nelle assemblee elettive competenti, il rimanente dell’indennità o altro emolumento percepiti in forza del mandato parlamentare, viene versato al Prc-Direzione Nazionale.
Le/I Consigliere/i Regionali e le/gli Assessore/i Regionali, le/i Consigliere/i e le/gli Assessore/i delle Province autonome di Trento e Bolzano hanno un trattamento economico pari al massimo di quanto previsto dal presente Regolamento per le/i Segretarie/i Regionali, il rimanente dell’indennità di carica e di ogni altro emolumento, indennità o rimborso forfettario percepiti in forza del loro mandato, viene versato al Prc-Comitato regionale.
1. Lo stipendio netto delle/dei Parlamentari, delle/dei Consigliere/i e delle/degli Assessore/i Regionali non sarà comunque inferiore allo stipendio netto percepito con la precedente attività lavorativa dedotto dall’ultima busta paga o dall’ultima dichiarazione dei redditi (che devono consegnare al Tesoriere Nazionale o Regionale prima di ricoprire la carica), in ogni caso ciò non potrà comportare in nessun caso una integrazione economica da parte del partito per stipendi superiori a quelli previsti per le relative cariche.
2. Il Comitato Regionale trattiene una percentuale non inferiore al trenta per cento dei contributi di cui all’art. 2 e ripartisce il restante tra tutte le Federazioni della Regione sulla base di criteri stabiliti dallo stesso Comitato Regionale. Il Comitato Regionale approva un proprio Regolamento entro tre mesi dalla conclusione del congresso regionale che, tra le altre cose, deve:
• Stabilire il contributo al Prc-Comitato Regionale competente per gli incarichi di cui all’art. 6;
• stabilire le modalità di versamento delle sottoscrizioni;
• definire i criteri di ripartizione delle risorse alle Federazioni.
3. La Segreteria Nazionale discute sulla base di competenze specifiche le proposte per gli incarichi di competenza nazionale. La Segreteria Nazionale, inoltre, ne informa la Direzione Nazionale.
4. La Segreteria Regionale discute sulla base di competenze specifiche le proposte per gli incarichi di competenza regionale. La Segreteria Regionale, inoltre, ne informa il CPR.
5. Ciascun amministratore del Gruppo Regionale redige, di concerto con il Tesoriere Regionale, un rendiconto economico preventivo e consuntivo delle dotazioni percepite dall’Ente.
6. Le/I Parlamentari elette/i alla Camera dei Deputati, al Senato della Repubblica, al Parlamento Europeo sottoscrivono al Prc–Direzione Nazionale il cinquanta per cento dell’indennità di fine mandato.
7. Le/I Consigliere/i Regionali sottoscrivono al Prc-Comitato Regionale competente il cinquanta per cento dell’indennità di fine mandato.
8. Tutte/i le/gli elette/i nelle liste promosse, sostenute o partecipate dal Prc che matureranno il vitalizio sono impegnate/i al versamento di una quota del medesimo al Prc–Direzione Nazionale per tutta la sua durata (tale quota verrà definita in una successiva riunione della Direzione Nazionale con una proposta basata sul reddito e sull’entità del vitalizio).
Il Comitato Politico Federale adotta un apposito Regolamento, in conformità con l’art. 74 dello Statuto e con il presente Regolamento, nel quale definisce la quota parte delle sottoscrizioni dovute dalle/dagli elette/i nei Consigli Provinciali, Comunali, di Comunità montana, Circoscrizionali, Municipali e dalle/dai compagne/i nominate/i a cariche pubbliche esecutive o in Enti o Consigli di Amministrazione. Il Comitato Politico Federale definisce altresì nel Regolamento le procedure per indicare le compagne e i compagni nominati in Enti o Consigli di Amministrazione.
III. Rimborsi spese
I rimborsi per le spese di viaggio e di soggiorno dei membri degli organismi previsti dallo Statuto (Comitato Politico Nazionale, Direzione Nazionale, Collegio Nazionale di Garanzia, Coordinamento Nazionale GC) sono a carico della Direzione Nazionale nell’ambito dei criteri indicati dal presente Regolamento e dal modulo per i rimborsi.
I rimborsi per le spese di viaggio e di soggiorno delle/dei dirigenti nazionali, finalizzate alla partecipazione a riunioni di organismi dirigenti territoriali (di circolo, federali o regionali) e/o per le iniziative di carattere generale o elettorale, sono a carico delle strutture periferiche promuoventi. Se autorizzati preventivamente dal Tesoriere Nazionale possono essere a carico della Direzione Nazionale. Per le/i componenti la Segreteria Nazionale l’autorizzazione all’eventuale rimborso a carico della Direzione Nazionale sarà decisa in ultima istanza dalla Segreteria stessa. Tali rimborsi devono comunque sempre essere documentati alle strutture che effettuano il rimborso. I rimborsi per le spese di viaggio e soggiorno sostenute dai compagni e dalle compagne per eventi o iniziative non contemplate dal presente comma devono essere documentati e preventivamente autorizzati dal Tesoriere Nazionale.
I rimborsi da parte della Direzione Nazionale vengono corrisposti dietro presentazione di apposita richiesta formulata su modulo predisposto dall’amministrazione, secondo i seguenti criteri unitamente a quelli di dettaglio riportati sul modulo stesso:
• Treno: rimborso del biglietto di seconda classe;
• Aereo: il rimborso è previsto esclusivamente da e per la Sicilia e la Sardegna. Per i collegamenti nel resto delle regioni è autorizzato l’uso dell’aereo nei casi in cui risulti più conveniente rispetto al biglietto del treno in seconda classe;
• Mezzo privato: solo nel caso risulti più conveniente l’utilizzo di automobile personale, il rimborso è stabilito in euro 0,25 per Km oltre le spese documentate di pedaggio autostradale. Nel caso di un utilizzo ingiustificato del mezzo proprio la Direzione Nazionale rimborserà il corrispettivo del biglietto ferroviario di seconda classe;
• Soggiorno: il rimborso massimo per le spese di pernottamento è di € 80.00/giornaliero. Sono esclusi extra di ogni tipo (bar, telefono, giornali etc.). Il rimborso massimo per un pasto è di € 20.00.
• E’ escluso il rimborso delle spese di taxi.
• I rimborsi a carico della Direzione Nazionale devono essere presentati all’amministrazione nazionale entro il termine massimo di 45 giorni dalla trasferta/iniziativa alla quale si è partecipato; i rimborsi presentati oltre il termine dei 45 giorni non daranno luogo ad alcun rimborso.
Sono a carico della Direzione Nazionale le spese di viaggio per la partecipazione alle riunioni delle/dei componenti la Direzione Nazionale e dell’invitato permanente, delle/dei componenti il Collegio Nazionale di Garanzia e suo Collegio dei Revisori, delle/dei componenti il Coordinamento Nazionale GC.
Sono a carico della Direzione Nazionale le spese di pernottamento per la partecipazione alle riunioni del Comitato Politico Nazionale e del Collegio Nazionale di Garanzia secondo il trattamento stabilito dall’amministrazione del Partito dei/delle componenti del CPN e CNG.
IV. Tessere del Partito
La quota tessera è versata annualmente ed è fissata in ragione delle condizioni economiche dell’iscrivenda/o:
• almeno 20 euro: studenti, cassintegrati, disoccupati e pensionati al minimo;
• almeno 40 euro: tutti i casi al di fuori di quelli sopra elencati;
• almeno 20 euro per le/i Giovani Comunisti.
La Direzione Nazionale definisce in 5 euro il costo delle tessere distribuite ai Regionali. A loro volta i Regionali (CPR) stabiliscono il costo per le relative Federazioni e queste il costo per i Circoli. Sarà cura delle/dei Tesoriere/i Regionali e Federali comunicare il costo delle tessere per le strutture di competenza alla Direzione del Partito.
Il trattamento economico del gruppo dirigente e delle/degli elette/i entra in vigore dal 1/12/2014.
Roma, 15 novembre 2014 

 

Versione PDF

Condividi

Contatti Tesoreria

Tesoriere Nazionale
(legale rappresentante)
Marco GELMINI
 
Altri contatti:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Fax:
+39 06 44239231

Cerca

Rendiconti

Sostieni il Partito con una