120310pozzolidi Giacomo Russo Spena

Il partito non è Bersani, siamo noi presenti sui territori”. Con coraggio e disinvoltura il militante di “base” sventola la bandiera del suo Pd a Santa Maria Maggiore, durante il corteo della Fiom. Non sfila per la manifestazione, è fermo all’angolo della piazza e vede migliaia di persone (50mila si dirà dal palco finale di San Giovanni) e centinaia di bandiere rosse passare. Con lui altri 3 “compagni democratici”. “Essere oggi qui è importante, mi dissocio dalla scelta dei miei dirigenti” dichiara ai giornalisti incuriositi per quella unica bandiera Pd in tutto il corteo. Raccoglie qualche applauso, pochi per la verità, e insulti: “Via, vai via. Provocatore!”, gli urla un uomo. Alcuni ragazzi gli intonano la canzonzica “Il Pd non è qui, lecca il culo all’Udc…”. Lui alla fine desiste e lascia la piazza. La scelta del Pd, presente soltanto con una piccola delegazione di dissidenti, è criticata aspramente dai manifestanti. Come dare loro torto.

La piazza finale di San Giovanni – da cui il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, chiede risposte o “sarà sciopero generale “- è un simbolo. Un punto da cui ripartire per creare una vera alternativa alle politiche di austerity. E il Pd ha fatto un’altra scelta, ha deciso di non esserci: di sostenere il governo tecnico di Monti e le sue ricette inique per le classi meno abbienti. Il partito di Bersani sembra salito sul carro neocentrista e liberista che porta dritto dritto al Terzo Polo o al sostegno nel 2013 del Passera di turno, malgrado Massimo D’Alema continui a negarlo.

Dall’altra parte, San Giovanni lo dimostra, si apre un immenso spazio per generare un soggetto che riparta dai diritti, dalla giustizia sociale, dall’equità. Per lanciare un’opposizione di sinistra al governo dei tecnici. Un “polo” capace di andare oltre ai partiti (Idv, Sel e Federazione della Sinistra), aperto alla società civile, ai movimenti per i beni comuni, all’associazionismo e, ovviamente, alla Fiom. Luigi De Magistris in una recente intervista al Fatto ha parlato di una lista civica nazionale – con questi contenuti – capace di puntare al 20 per cento. Non è un numero poi così irreale!

Alla manifestazione di oggi ci sono, oltre ai metalmeccanici, i No-Tav, i referendari dell’acqua pubblica, i centri sociali e gli studenti. I quali si rendono protagonisti di un blitz davanti la sede dell’Inps per rivendicare quella pensione che non avranno mai e per reclamare nuovi ammortizzatori sociali. Lo stesso Antonio Mastrapasqua, direttore dell’Inps, lo scorso anno aveva dichiarato: “Se dovessimo dare la simulazione della pensione ai parasubordinati rischieremmo un sommovimento sociale”.

Mettiamo un punto. Ripartiamo dalla splendida piazza di oggi. Con la speranza che un pezzo del Pd si ribelli alla deriva neocentrista.

Condividi

Sostieni il Partito


 

COME SOTTOSCRIVERE

  • tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.
  • con cellulare tramite l'app Rifondazione (scaricabile da Google Play o da App Store pagina "sostieni")
  • attivando un RID online o utilizzando questo modulo
  • con carta di credito sul circuito sicuro PayPal (bottone DONAZIONE PayPal sopra)

Ricordiamo che le sottoscrizioni eseguite con la causale erogazione liberale a favore di partito politico potranno essere detratte con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno