“Ce lo chiede l’Europa!” Quante volte abbiamo sentito questa nenia? La controriforma delle pensioni, il fiscal compact, il pareggio di bilancio in Costituzione, la precarizzazione del lavoro, l’austerità…Il Governo tripartisan del server della Goldman Sachs Monti ci catechizza ogni giorno dicendoci
che siamo obbligati ad agire perché ce lo chiede l’Europa. Adesso vedremo se ciò vale anche per il dispositivo della Risoluzione del Parlamento Europeo sul tema “Un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse” [2011/2068(INI)] del maggio 2012, la quale – nella parte relativa alla trasformazione dell’economia – al punto 32, obbliga a tenere conto della gerarchia dei rifiuti e della necessità di ridurli fino a raggiungere livelli prossimi allo zero, nonché a introdurre un divieto generale dello smaltimento in discarica a livello europeo e di abolire progressivamente, entro la fine del decennio (2020) l’incenerimento dei rifiuti riciclabili e compostabili. Questo significa – addirittura – che dovremmo già cominciare– addirittura – che dovremmo già cominciare a pensare alla dismissione dell'attuale S. Zeno, altro che costruirne uno nuovo da 120 milioni di euro, il quale – dopo 3/4 anni - andrebbe chiuso per legge: infatti, dal 1.1.2021 non potremo più bruciare nessun tipo di rifiuto che sia minimamente compostabile e riciclabile...ce lo chiede l'Europa! 

Le Segreterie Provinciale e Comunale di Arezzo di Rifondazione Comunista



Condividi

Sostieni il Partito con una