Sosteniamo la giusta battaglia del Coordinamento Italia libera da OGM – CILO – composto da 26 associazioni contadine, ambientaliste e della società civile, che proprio oggi ha lanciato la campagna italiana #ItaliaLiberadaOGM per promuovere la petizione europea #IchooseGMOfree che mobiliterà cittadinə comunitarə con l’obiettivo di prevenire la deregolamentazione dei nuovi OGM.

Una petizione importante che vuole dare voce a cittadinə ed agricoltorə per ribadire che dobbiamo avere il diritto di decidere cosa mangiamo e coltiviamo nei nostri campi, rivolta ai decisori nazionali e ai membri del Parlamento europeo, per chiedere loro di prendere posizione contro la deregolamentazione nuovi OGM in Europa voluta delle lobbies dell’agribusiness a scapito del principio di precauzione e dei diritti di consumatorə e produttorə.
Il governo italiano è favorevole a questa follia, FERMIAMOLO, e fermiamo la narrazione di comodo che vuole i nuovi OGM la soluzione per la crisi alimentare ed economica che la follia bellicista sta alimentando

Chiediamo insieme al #CILO che i nuovi OGM siano sottoposti alle stesse regole di quelli “vecchi”, cioè tracciabilità ed etichettatura e che l’Italia si schieri contro la loro coltivazione, difendendo il Made in Italy e la scelta di restare un paese libero da OGM!
Firma la petizione seguendo le indicazioni presenti sulla pagina fb ufficiale del CILO Italia libera da OGM - vecchi e nuovi | Facebook.

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale
Elena Mazzoni, responsabile ambiente, Partito della Rifondazione Comunista-Sinistra Europea

Condividi

Sostieni il Partito


 

COME SOTTOSCRIVERE

  • tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.
  • con cellulare tramite l'app Rifondazione (scaricabile da Google Play o da App Store pagina "sostieni")
  • attivando un RID online o utilizzando questo modulo
  • con carta di credito sul circuito sicuro PayPal (bottone DONAZIONE PayPal sopra)

Ricordiamo che le sottoscrizioni eseguite con la causale erogazione liberale a favore di partito politico potranno essere detratte con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno