Massima solidarietà solidarietà alla nostra compagna Elena Mazzoni, responsabile ambiente del partito e attivista ambientalista, che ieri è stata convocata in questura, insieme ad altre ed altri attiviste e cittadini dei Castelli Romani, dopo aver contestato pacificamente il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che ha dato il via libera all'inceneritore di Gualtieri, progetto escluso dallo stesso piano rifiuti che aveva approvato in Regione.

Siamo di fronte a una vera e propria intimidazione nei confronti di chi difende il territorio, la salute e l'ambiente. Ci domandiamo se a Roma è vietato protestare contro l'inceneritore che ancora una volta è una proposta della destra che viene realizzata dal PD. Inceneritori e rigassificatori sono un punto condiviso dell'accordo sottoscritto dal PD con il confindustriale Calenda che propone la militarizzazione dei siti di inceneritori, discariche, centrali, ecc. per difendere gli affari delle solite lobby. Mentre PD e Calenda nell'accordo non menzionano l'antifascismo e la difesa della Costituzione, Elena e gli altri attivisti dovranno difendersi in Tribunale per un reato disciplinato da un testo del 1932, antidemocratico, fascista ed incostituzionale.
Mentre M5S e Si/Verdi alla Regione Lazio e al Comune di Roma neanche aprono la crisi sull'inceneritore noi sul territorio lavoriamo con le cittadine/i per fermare una scelta sbagliata e obsoleta.
Questa è l'Unione Popolare a cui stiamo lavorando con Luigi De Magistris: attiviste/i e cittadine/i che lottano per i beni comuni contro il partito unico della devastazione ambientale.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale del Partito della Rifondazione Comunista

Condividiamo il comunicato della Rete Ecologista dei Castelli Romani a cui va tutto il nostro sostegno:

Gravi Intimidazioni nei confronti dei e delle militanti della Rete Ecologista dei Castelli Romani e del No. Inc./Presidio Permanente lotta contro la discarica

Nella giornata di ieri il Commissariato di Genzano Di Roma ha fatto fioccare denunce nei confronti dei cittadini e delle cittadine macchiatisi della "grave" colpa di aver provato a contestare il sostegno del Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti al mortifero progetto di Gualtieri, durante l'iniziativa organizzata dai Giovani Democratici di Genzano
dello scorso 29 luglio, tra l'altro da lui disertata.

Il reato contestato è l'art.18 del TUPS del 1932, "manifestazione non autorizzata", un testo fascista, antidemocratico ed incostituzionale di cui le forze di polizia hanno approfittato per reprimere il legittimo dissenso di chi lotta per difendere il proprio territorio.

Queste denunce pretestuose rafforzano la nostra convinzione di essere dalla parte giusta e non fermeranno la nostra azione, volta a far avvicinare sempre più persone alla battaglia per la chiusura della discarica e contro il progetto di inceneritore di Gualtieri.

NESSUNA RESA, NESSUN PASSO INDIETRO, LA LOTTA NON SI FERMA!

Condividi

Sostieni il Partito


 

COME SOTTOSCRIVERE

  • tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.
  • con cellulare tramite l'app Rifondazione (scaricabile da Google Play o da App Store pagina "sostieni")
  • attivando un RID online o utilizzando questo modulo
  • con carta di credito sul circuito sicuro PayPal (bottone DONAZIONE PayPal sopra)

Ricordiamo che le sottoscrizioni eseguite con la causale erogazione liberale a favore di partito politico potranno essere detratte con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno