di Ezio Locatelli* -

Una spaccatura netta tra paese reale e paese legale che apre varchi e nuove possibilità fino a ieri impensabili. Come abbiamo potuto vedere in questi giorni da alcuni sondaggi tre cittadini su quattro non vogliono né aumenti di spese militari né invio di armamenti a Kiev. Non lo vogliono non certo per ignavia o collusione col “nemico” come piace dire ai professionisti della disinformazione. Semplicemente ritengono l’escalation militare controproducente, suscettibile di portarci dritti e filati alla catastrofe, al suicidio anziché favorire la costruzione della pace. Dunque il bombardamento mediatico, martellante di queste settimane non ha sortito l’effetto voluto, non ha interdetto il senso della realtà in milioni di persone, in specie tra i settori popolari.
Una spaccatura tra paese reale e paese legale che non riguarda solo l’orrore della guerra, le cifre impressionati del riarmo come uno dei migliori affari del momento ma il tema delle priorità sociali e politiche da perseguire. Per la stragrande maggioranza delle persone l’esigenza della pace va di pari passo alla richiesta d tutela di alcuni diritti fondamentali di dignità sociale, di sussistenza (i diritti al lavoro, al reddito, alla casa, alla salute, ecc.). Risposte che mancano da parte di una classe dirigente dedita all’appropriazione di denaro e di potere, di una classe che ha perso per intero ogni funzione sociale ed etica – ripugnante sentire parlare di “investimenti militari” come fa Draghi & Company - che lavora non alla rimozione ma alla promozione delle disuguaglianze. Risultato: una minuscola minoranza di ricchi in cima alla piramide sociale sta sempre più prendendo le distanze da una massa crescente di disoccupati, poveri, precari, persone in difficoltà. Per riprendere l’uscita di qualche anno fa di Warren Buffet, investitore finanziario, terza persona più ricca del mondo, “c’è una lotta di classe, è vero, ma è la mia classe ricca che sta facendo la guerra e stiamo vincendo”. Cinismo allo stato puro di un sistema che in ogni caso, dopo anni di pensiero unico, nella nuova fase di crisi della globalizzazione capitalistica, è colpito da una devastante crisi di credibilità.
Ora come tradurre questa spaccatura di consenso e di condizione sociale in cambiamento? Penso che il problema, tutto quanto da affrontare sul piano pratico e politico, sia quello di mettere in campo una forza di opposizione all’altezza della sfida del momento, in grado di sostenere e organizzare le ragioni di contrarietà alla cultura dominante della guerra e dello sfruttamento. Una forza in grado di trasformare il senso di rabbia, disagio, dissenso di gran parte dell’opinione pubblica riguardo le politiche governative in partecipazione, protagonismo, lotta politica, in conflitto sociale a cominciare dalla costruzione dei comitati contro la guerra e il carovita. E’ evidente che questa forza non può essere costituita solo ed esclusivamente da un piccolo partito come il nostro ma dall’aggregazione di più energie sociali e politiche oggi disperse in tanti rivoli. E’ importante lavorare a questa aggregazione unitamente al salto di qualità del nostro partito quale strumento indispensabile di giuntura e di battaglia politica. La campagna di tesseramento 2022 a Rifondazione Comunista rappresenta un tassello importante – ovviamente non l’unico – di questo lavoro di riaggregazione. Una campagna dedicata quest’anno alla splendida figura di Lidia Menapace, nostra compagna “partigiana, femminista, pacifista, ecologista, comunista” che ha lottato instancabilmente e gioiosamente per bandire la guerra, sotto ogni forma, dal mondo. Tocca a noi raccogliere il testimone di questo impegno esemplare di tutta una vita per un futuro migliore.

*segreteria nazionale, responsabile organizzazione Prc.Se

Condividi

Cerca

FB Ezio Locatelli

 

fabrosa

 

App Rifondazione

Telegram Rifondazione

telegram-appprc190

Skill Alexa

rifondazione 5titoliskill commento100

Responsabile organizzazione

Video tesseramento 2020

 

Sostieni il Partito


 

COME SOTTOSCRIVERE

  • tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.
  • con cellulare tramite l'app Rifondazione (scaricabile da Google Play o da App Store pagina "sostieni")
  • attivando un RID online o utilizzando questo modulo
  • con carta di credito sul circuito sicuro PayPal (bottone DONAZIONE PayPal sopra)

Ricordiamo che le sottoscrizioni eseguite con la causale erogazione liberale a favore di partito politico potranno essere detratte con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno