Anche da parte dell'informazione normalmente benevola con il governo Draghi, si mostra sconcerto, se non aperto dissenso nei confronti delle ultime misure anti Covid, che non affrontano i problemi reali della sanità pubblica, ripristinando e incrementando, ad esempio, la medicina territoriale e in generale le strutture sanitarie, che continuano invece ad essere sottodimensionate. Le scuole riapriranno, se riapriranno, in totale diversificazione dei comportamenti, in grande confusione e prive degli strumenti necessari per la
sicurezza, come la riduzione del numero degli alunni per classe, l'aumento degli organici, sistemi di purificazione dell'aria, tracciamento, medico scolastico e così via. Tutti provvedimenti che chiediamo fin dall'inizio della pandemia e che erano contenuti nelle piattaforme dello sciopero dei sindacati di base e confederali del 10 dicembre. La tracotanza di un governo, sostenuto da centro destra e centro sinistra, che cura solo gli interessi delle imprese e dei profitti, si sta palesando in tutto il suo cinismo e falsità nel presentarsi come paese “modello” nella gestione della pandemia, quando le strutture di cui dispone e i provvedimenti messi in campo somigliano di più a certi paesi del terzo mondo piuttosto che a quelli dei “grandi” della terra ai quali l'Italia appartiene.
Il “migliore” di tutti non è stato neanche in grado di presentarsi all'opinione pubblica, per spiegare gli ultimi provvedimenti, pensa così di deresponsabilizzarsi Mario Draghi?
Rifondazione Comunista è mobilitata a sostegno dei provvedimenti necessari, per restituire al mondo della Scuola la dignità e la sicurezza necessarie per garantire il diritto costituzionale allo studio per tutte e tutti.

Loredana Fraleone - Responsabile Scuola del Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea

Non si risparmia nessuna occasione di repressione nel “Bel Paese” delle ingiustizie e delle disuguaglianze. Che siano lavoratori e lavoratrici che difendono il posto di lavoro o studenti, che occupano le scuole per rivendicare il diritto allo studio, il tentativo è sempre lo stesso: intimidire, reprimere, asnnullare qualsiasi forma di conflitto.

Ragazzi e ragazze, che con la Didattica a distanza hanno perso tanto della scuola che forma davvero, hanno voluto dimostrare con le occupazioni la voglia di riprendersi ciò che è loro dovuto per diritto costituzionale, hanno voluto esprimere il disagio di una generazione senza futuro, che vive in scuole degradate, dotate di un terzo di personale precario, senza risorse e sicurezza nelle classi e nei trasporti affollati, questioni che non rientrano nei problemi da prendere in considerazione con i fondi europei, per il governo Draghi.

In compenso, il direttore dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio Pinneri, invia una circolare alle scuole superiori, per invitare i dirigenti scolastici a reprimere e intimidire gli/le occupanti: “......vi chiedo, ove vi troviate in questa situazione, di denunciare formalmente il reato di interruzione del pubblico servizio e di chiedere lo sgombero dell’edificio, avendo cura di identificare, nella denuncia, quanti possiate degli occupanti....”

Ricordiamo al solerte dirigente regionale del Lazio, che oltre al diritto politico di manifestare per i propri diritti la giurisprudenza, in innumerevoli sentenze, sostiene che le occupazioni non si configurano come reato quando costituiscono “permanenza” e in una di queste si chiarisce che: “l'edificio scolastico, pur appartenendo allo Stato non costituisce una realtà estranea agli studenti, che non sono semplici frequentatori, ma soggetti attivi della comunità scolastica e pertanto non sia configurabile un loro limitato diritto di accesso all'edificio scolastico nelle sole ore in cui è prevista l'attività didattica..”

Rifondazione Comunista è a fianco degli studenti e delle studentesse che lottano per il diritto allo studio e si impegna a sostenerli anche dal punto di vista legale, se necessario.

Loredana Fraleone – responsabile Scuola Università Ricerca PRC/SE
Giovanni Russo Spena – responsabile Democrazia Diritti Istituzioni PRC/SE

Grande importanza, per tutto il mondo del lavoro, che sarà mobilitato il 16 dicembre, ha lo sciopero del 10, che vedrà coinvolto il personale della Scuola a livello nazionale. Uno sciopero indetto da FLCGIL, UIL Scuola, GILDA, SNALS, COBAS, CUB, promosso su piattaforme molto simili con al centro le retribuzioni, la stabilizzazione dei docenti, la fine delle classi pollaio e la vergognosa carenza di insegnanti di sostegno. Un'occasione preziosa per la ricostruzione dell'unità di una categoria, che non solo soffre di una condizione retributiva inferiore di diversi punti a quella dei colleghi europei, ma che ha visto aumentare i carichi di lavoro in un contesto di insicurezza, di confusione normativa, di persistenza delle classi sovraffollate e di un precariato esposto a una girandola di incarichi spesso scriteriati e senza una prospettiva di stabilizzazione nel breve periodo.

Le misure previste per il DDL Bilancio 2022 e l’utilizzo dei fondi europei previsto nel PNRR non danno risposte ai problemi, che affliggono le lavoratrici e i lavoratori della scuola e di riflesso gli alunni e le alunne. Viene messa a disposizione per il contratto, scaduto da tempo, una cifra irrisoria, che per di più dovrebbe premiare la “dedizione al lavoro”, una misura iniqua e inquietante per la sua natura discriminatoria.

Il PRC/SE sostenendo lo sciopero per i diritti del personale della scuola intende tutelare anche quelli delle nuove generazioni.

Loredana Fraleone, responsabile nazionale scuola
Antonello Patta, responsabile nazionale lavoro
Partito della Rifondazione Comunista/Sinistra Europea

Facciamo notare al ministro della transizione ecologica che un digital manager, senza conoscenze storiche e di quelle discipline considerate inutili, difficilmente sarà un operatore creativo e flessibile, capace di affrontare gli imprevisti. Per ottenere quella qualifica esistono corsi e master di pochi giorni o mesi, alcuni gestiti direttamente dalle imprese, per garantirsi le competenze specifiche di cui hanno bisogno. Facciamo notare, a questo cultore della semplificazione, che servono sempre maggiori strumenti e soprattutto una grande capacità di approfondimento, anche per lo sviluppo del capitalismo che gli sta tanto a cuore, che necessita di sempre maggiore complessità e produce una realtà sempre più complessa, a partire dalle questioni ambientali di cui Cingolani si dovrebbe occupare. Facciamo notare che persino negli USA, paese di sicuro riferimento per il ministro del governo Draghi si sta diffondendo l'idea che gli studi umanistici siano fondamentali per la comprensione della realtà e di sé stessi. Forse più che la transizione ecologica Cingolani vorrebbe fare quella verso l'ignoranza. La Storia serve anche a non farsi fregare dai Cingolani e dai Draghi.

Maurizio Acerbo, Segretario Nazionale
Loredana Fraleone, resp. Scuola, università e ricerca, Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Care compagne e cari compagni,

inviamo un volantino fronte/retro sulla scuola in versione per la stampa (a colori e b/n) e per i social.

Vi proponiamo, come concordato dal dipartimento scuola, che venga utilizzato per volantinaggi e iniziative il prossimo 20 novembre, in occasione della giornata mondiale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza nei luoghi che riterrete più opportuni.

Invieremo un comunicato da inviare ai media locali per annunciare le iniziative.

Chiediamo di comunicare dove saranno effettuati i volantinaggi alla compagna Loredana Fraleone Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e le foto via whatsapp al compagno Stefano Galieni 3471777846.

La mobilitazione che vi proponiamo deve impegnare tutto il partito vista la centralità del tema. Il governo Draghi ha scelto con il PNRR di non investire sul rilancio del pubblico e in particolare della scuola pubblica.

Buon lavoro

Maurizio Acerbo, segretario nazionale PRC-SE
Loredana Fraleone, responsabile Scuola PRC-SE

volantino scuola fronte

volantino scuola retro

 

Scuola

scuola2021 3

Cerca

App Rifondazione

Telegram Rifondazione

telegram-appprc190

Skill Alexa

rifondazione 5titoliskill commento100

Sostieni il Partito


 

COME SOTTOSCRIVERE

  • tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.
  • con cellulare tramite l'app Rifondazione (scaricabile da Google Play o da App Store pagina "sostieni")
  • attivando un RID online o utilizzando questo modulo
  • con carta di credito sul circuito sicuro PayPal (bottone DONAZIONE PayPal sopra)

Ricordiamo che le sottoscrizioni eseguite con la causale erogazione liberale a favore di partito politico potranno essere detratte con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno