Destinatario petizione: Al Sindaco, Al Prefetto, Al Questore di Avellino
Sostenitori ufficiali della petizione:
FGCI Federazione Irpina, Partito dei Comunisti Italiani Federazione Irpina, Unione degli Studenti Avellino, Unione degli Studenti Campania, Consulta Regionale, Rifondazione Comunista Avellino, Giovani Comunisti Avellino, Sinistra Ecologia e Libertà Avellino
Abbiamo appreso qualche giorno fa che Forza Nuova, organizzazione xenofoba di stampo fascista, intende svolgere una manifestazione regionale nella città di Avellino, sabato 29 settembre.

Leggi tutto...

di Roberto Sconciaforni*

Lo scorso 8 maggio l'Assemblea Legislativa dell'Emilia-Romagna ha approvato una risoluzione, di cui sono il primo firmatario, votata a larga maggioranza (con la sola eccezione del Movimento 5 Stelle e dell'Idv che si sono astenuti). Con tale risoluzione la Regione Emilia-Romagna chiede al Parlamento e al Governo nazionale di non acquistare i cacciabombardieri F35, ma bensì di indirizzare i soldi previsti per questa assurda spesa militare verso la crescita e lo sviluppo economico.

Leggi tutto...

di Francesco Maringiò

La Festa do Avante ha richiamato anche quest’anno centinaia di migliaia di cittadini portoghesi ed una nutrita presenza di delegazioni internazionali, tra questi il Partito dei Comunisti Italiani. Organizzata dal Partito Comunista Portoghese, ha visto la partecipazione di più di 300 mila persone nei tre giorni di spettacoli, dibattiti, eventi sportivi e culturali e, soprattutto, politici con il grande comizio di chiusura che, ad oggi, è uno degli eventi più grandi e partecipati del Portogallo. Quest’anno (7-9 Settembre 2012) la Festa è caduta in un momento molto delicato per il paese segnato da una pesante crisi ed ha rappresentato un momento importante di organizzazione e lotta, all’insegna della parola d’ordine del cambiamento.

Leggi tutto...

di Matteo RadioBozen

Il leader dell'Italia dei Valori Antonio Di Pietro ha dichiarato di volere formare una coalizione dei partiti "non allineati" di cui potrebbero far parte tutti coloro che non sostengono il governo Monti. L'annuncio del leader IdV è stato dato dopo che nelle ultime settimane il suo partito aveva cercato di trovare possibili alleati tra cui il M5S, che ha smentito immediatamente la possibilità di coalizzarsi, e SEL, che invece ha deciso di puntare ad una alleanza col Partito Democratico che da tempo "flirta" con l'UDC.
Il fatto che la "foto di Vasto" sia stata praticamente stracciata è un fatto più che assodato, e ciò che colpisce è il fatto che, dopo avere strizzato l'occhiolino all'unione centrista di Casini, il PD riesca a mandare giù il "ritorno in coalizione" del partito di Vendola.

Leggi tutto...

di Sergio Ferrari

Certo è difficile battere il “fascino” della finanza internazionale e la scoperta che il profitto si può fare, anche più facilmente, eliminando l’intermediazione del lavoro e costruendo con un po’ di fantasia pezzi di carta da vendere ad ogni “credente” opportunamente raggirato. Tutto questo può essere descritto con un fascino che una volta era tipico dei romanzi d’appendice che, tuttavia, si limitavano a riempire i sogni di qualche ragazza. Inoltre questi romanzi avevano l’obbligo di far finire male il “cattivo”. In questa storia moderna questo finale per ora non si vede. 

Leggi tutto...

di Alfonso Gianni

Nel suo rapporto sulla povertà, Istat ci dice che quella relativa (che si verifica quando una famiglia di due persone ha un reddito mensile spendibile inferiore a 1.011 euro) è sostanzialmente stabile. Già sarebbe un dato pessimo, ma l’istituto statistico ci avverte che si tratta di una media derivante dal migliore andamento delle famiglie di impiegati e dirigenti e dal netto peggioramento di quelle operaie. Così un’area di 8,1 milioni di persone pari all’11,1% dei nuclei familiari si trova in condizione di povertà relativa, mentre 3,4 milioni di questi cittadini hanno varcato la soglia della povertà assoluta.

Leggi tutto...

di Giuseppe Vespo

Sdraiato sul divano di casa a guardare la tv, che non è più neanche tanto nuova visto che nell’ultimo anno sono calate pure le vendite degli schermi piatti. Ecco l’italiano che risparmia (e arranca), che va ancora meno al cinema (meno 16 per cento nei primi sei mesi dell’anno) e meno che mai entra a teatro, perché tanto c’è la pay per view (la tv a pagamento) o meglio ancora l’ampia offerta del digitale terrestre gratuito. E quando la tele è spenta è acceso il telefonino intelligente o il tablet che ci lascia tranquilli sul sofà. «In questa specie di autarchia domestica - dice il rapporto Coop 2012 sui consumi - gli italiani vivono una eterna giovinezza e pensano di non invecchiare mai».

Leggi tutto...

di Franco Astengo

Nel corso degli ultimi anni si sono verificati fenomeni di vera e propria involuzione nella capacità di esprimere un determinato grado di cultura politica, da parte dei principali attori operanti nel sistema. Sotto quest’aspetto alcune linee appaiono assolutamente meritevoli di approfondimento:

1 Le influenze internazionali. L’Italia è l’unico paese del mondo occidentale che vede il sistema politico destrutturarsi totalmente con la crisi del ’92-’94 (fenomeno che va ripetendosi ai giorni nostri). Solo nei paesi latino americani (e ovviamente in termini diversi, nell’Europa dell’Est) è avvenuto un processo analogo.

Leggi tutto...

di giornalettismo.com

E’ cominciato ieri lo sciopero della fame di circa 50 disabili gravi indetto dal Comitato 16 Novembre onlus. Si tratta di persone affette da patologie neurodegenerative progressive, come Sla, distrofia muscolare e sclerosi multipla.
PERCHE’ PROTESTANO – Protestano contro la scarsa attenzione del governo verso la loro condizione di malati gravi, bisognosi di assistenza 24 ore su 24. ‘Il governo ha destinato parte dei 658 milioni della legge sulla Spending Review alla non autosufficienza ma ancora non c’e’ un piano per la destinazione delle risorse’ spiega Mariangela Lamanna, presidente del Comitato 16 novembre onlus.

Leggi tutto...