di Bruno Steri

L'altro ieri 7 dicembre, nel tardo pomeriggio, la comunità argentina di Roma ha organizzato un sit-in davanti alla sua ambasciata per festeggiare l’entrata in vigore della cosiddetta “legge dei media”, un importante insieme di norme - fortissimamente voluto dall’attuale presidente Cristina Kirchner - che regola e democratizza l’accesso alla proprietà dei mezzi comunicazione di massa e la ripartizione delle frequenze, sottraendole al monopolio di pochi e potenti gruppi privati (su tutti, il Clarìn e la Naciòn).

Il varo della legge, approvata sin dal 2009 ma ferma in attesa di ottenere la legittimazione costituzionale, ha invece subito un’ulteriore proroga, chiaro segnale di un duro confronto istituzionale e politico tuttora in corso.

Leggi tutto...

di Tonino Bucci

Sono una novità nella politica. La patria d'origine dei pirati – se ne esiste una – è l'Europa continentale del nord, Svezia e Germania soprattutto. Ma cominciano ad affacciarsi anche in Italia. In ogni paese il programma di base è lo stesso, salvo adattamenti ai singoli contesti nazionali. Tutti i partiti aderiscono a un'Internazionale pirata. Stando alle categorie tradizionali il fenomeno è di incerta collocazione ideologica. I pirati non si definiscono né di destra né di sinistra. Sono un movimento per le libertà digitali. Al centro del programma mettono le questioni della Rete, la proprietà intellettuale, la riforma del copyright e del diritto d'autore, il diritto alla copia e alla libera circolazione delle opere digitali, perlomeno in sfere sottratte al mercato.

Leggi tutto...

di Roberta Fantozzi

L’articolo di Guido Viale pubblicato ieri sul Manifesto solleva nodi di fondo sul “se” e il “come” del quarto polo e sugli scenari complessivi della politica in Italia ed in Europa. Vorrei affrontarli partendo da un’autodenuncia, quella di essere iscrivibile nella categoria dei dinosauri, in quanto parte della segreteria di un partito, nella fattispecie Rifondazione Comunista. Secondo alcuni probabilmente, i capofila dei dinosauri, combinando insieme l’essere partito e l’essere comunista, in coppia quanto di più d’antan possa darsi. Tuttavia su questo vorrei tornare più avanti, convinta come sono che si dovrebbe cercare di mettere in ordine i ragionamenti secondo una gerarchia di priorità, che per me ha, alla sua testa, tutt’altra urgenza. Un’urgenza che si riassume in una domanda.

Leggi tutto...

di Paolo Ferrero

L’assemblea di Cambiare si può del 1 dicembre  scorso rappresenta un passaggio importantissimo. In quella assemblea infatti si è deciso di verificare attraverso assemblee sui territori se vi sono le condizioni  per dar vita ad una lista di sinistra, autonoma dal centro sinistra e avversa alle politiche neoliberiste. Quanto andiamo proponendo da mesi sulla necessità di aggregare tutte le forze  - sociali, politiche, culturali, associative – disponibili a costruire una lista di sinistra fuori dal centro sinistra trova quindi un primo importante momento di concretizzazione. Si tratta di un punto fermo per noi decisivo. All’interno di questo positivo indirizzo politico vi sono certo diverse culture politiche, tra di loro non di rado in contrasto. Si tratta di una condizione fisiologica di cui non occorre spaventarsi.

Leggi tutto...

Sono trascorsi sei anni da quando l'Ecuador, un piccolo paese andino con meno di 15 milioni di abitanti, ha deciso di lasciarsi alle spalle gli anni dell'instabilità politica e delle crisi economiche sofferte nelle ultime decadi, incamminandosi, con l'elezione dell'economista Rafael Correa nel 2006, in un progetto di profondo cambiamento politico e sociale conosciuto come la Revolucion Ciudadana.

L'Ecuador, un paese che per decadi è stato soggiogato al condizionamento degli organismi internazionali, marcato da livelli estremi di povertà e diseguaglianza, è oggi un paese nuovo.

L'Ecuador è oggi, uno dei migliori esempi che un altro mondo è possibile!

Leggi tutto...

di Roberta Fantozzi e Antonio Ferraro

Abbiamo  aderito alla campagna nazionale "Reddito Minimo per tutte e tutti". La campagna è promossa da associazioni, movimenti, realtà sociali e politiche a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare per istituire il reddito minimo in Italia. Le firme si possono raccogliere entro il mese di dicembre 2012. Pertanto invitiamo nuovamente tutte le strutture territoriali ad aderire, a organizzare iniziative, dibattiti ecc. promuovendo, laddove è possibile, comitati insieme agli altri soggetti interessati. L'adesione e le informazioni sulle iniziative vanno inviate all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. in modo tale da permettere un monitoraggio e la costruzione di una mappa nazionale della campagna. I moduli per la raccolta firme si possono scaricare e stampare in formato A3 dal sito di riferimento www.redditogarantito.it.

Leggi tutto...

di Roberto Serra

No signora, no, così non va!
Lei fa il ministro, signora Cancellieri e il suo primo dovere dovrebbe essere capire le persone e amministrare la legge, non assecondare il restringersi delle possibilità di vita consentite alle persone. Al cantiere No Tav in Val di Susa va in scena da anni la protesta dei residenti supportata da cittadini che legittimamente si convocano nel tentativo disperato di proteggere le loro vite, le loro autonomie dalla fame degli affaristi cui lo Stato, che lei rappresenta, nelle persone di suoi predecessori pure loro affaristi, ha affidato un compito utile solo a quei soliti portafogli: la Ferrovia ad Alta Velocità Torino – Lione.

Leggi tutto...

di Guglielmo Ragozzino

Alcoa, Fiat Pomigliano, Ilva. Ecco tre problemi industriali emersi che il governo non vuole, non sa risolvere. C'è un quarto problema, minerario questo, e quindi non industriale ma sottoterra, ed è quello del Sulcis. Sulcis e Alcoa gravitano nello stesso quadrante della Sardegna, Sulcis-Iglesiente, tra la stessa gente: giovani che non trovano lavoro, redditi familiari in estremo pericolo. Che prospettive rimangono per un ragazzo, una ragazza di Carbonia con le miniere senza futuro, il parco che non decolla, l'alternativa della produzione di alluminio che svanisce? Il turismo costiero vale per una breve stagione, invece i giovani - e le famiglie - hanno la brutta abitudine di mangiare tutto l'anno.

Leggi tutto...

di Christian Elia

All’alba del 23 maggio è scattata in Puglia l’operazione Sabr, condotta dal Raggruppamento Operativo Speciale (Ros) dei Carabinieri con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) di Lecce. Sedici arresti, con ordinanza di custodia cautelare firmati dal gip Carlo Cazzella su richiesta del sostituto procuratore Elsa Valeria Mignone.

Leggi tutto...

Sostieni il Partito con una


 

Rassegna.it lavoro