di Debora Aru

Alla fine la Glencore si è ritirata dalle trattative con il governo. Con una lettera inviata al ministero dello sviluppo economico, al presidente della Regione Ugo Cappellacci e ai sindacati sardi, la multinazionale svizzera ha deciso di rinunciare all'acquisto dello stabilimento Alcoa di Portovesme.
Il pomo della discordia è il prezzo dell'energia elettrica: non è stato infatti possibile superare lo scoglio rappresentato dalle richieste avanzate dalla Glencore che ha fissato come soglia massima possibile i 25 euro/MWh.
«Con una volontà meramente propositiva -scrivono i vertici dell'azienda elvetica nella lettera - desideriamo semplicemente sottolineare che con l’applicazione dei meccanismi illustrati arriviamo ad un costo finale dell'energia pari a 35 euro/MWh, prezzo che si è rivelato insufficiente a garantire anche la continuità produttiva di Alcoa».

Leggi tutto...

di Marcello Musto

L’alienazione è stata una delle teorie più dibattute del XX secolo. La prima esposizione filosofica del concetto avvenne già all’inizio dell’Ottocento e fu opera di Georg W. F. Hegel. Nella Fenomenologia dello spirito, egli ne fece la categoria centrale del mondo moderno e adoperò il termine per rappresentare il fenomeno mediante il quale lo spirito diviene altro da sé nell’oggettività. Tuttavia, nella seconda metà dell’Ottocento, l’alienazione scomparve dalla riflessione filosofica e nessuno tra i maggiori pensatori vi dedicò attenzione.

Leggi tutto...

di Paolo Ferrero

All’Italia serve la costruzione di una sinistra degna di questo nome, che metta in discussione radicalmente le politiche antipopolari dell’Europa e del governo Monti. Vendola al contrario ha scelto oggi l’alleanza con il Pd e con l’Udc, i due principali sostenitori di Monti.  È  un errore che rischia di togliere speranza al popolo della sinistra. Rifondazione Comunista ripropone a Sel come all’Idv e a tutte le forze che si oppongono alle politiche neoliberiste praticate dal centro destra come dal centrosinistra la costruzione di un una coalizione di alternativa e di sinistra. Una coalizione da costruire in modo democratico e partecipato partendo dai territori e dai luoghi di lavoro.

di Nicolò Ollino

Alla Lagor di Cerro Tanaro, provincia di Asti, si applica la Riforma Fornero del lavoro. Deteniamo infatti il triste primato della prima città che licenzia, dopo lo scassinamento dell’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, per motivazioni economiche quindi oggettive ed incontrollabili quindi molto spesso false e discriminatorie. Come è successo per esempio nel caso di Vittorio Gaffodio, 45 anni, Rsu FIOM/CGIL (come un altro licenziato, il terzo ad ogni modo è un ex FIOM, insomma: dei rompicoglioni da far fuori). A Vittorio il medico prescrisse l’impossibilità di svolgere il turno di notte in azienda per problemi di salute ma Vittorio da quando lavorava li alla Lagor afferma di aver fatto al massimo una settimana complessiva nel giro di vari anni di turno di notte.

Leggi tutto...

di Joseph Halevi

Giovedì ascoltando ampi stralci del discorso di Mario Draghi a Bruxelles il peso e l'importanza dell'intervento mi apparivano evidenti. Per il presidente della Bce l'attuale assetto dell'eurozona non regge più. In effetti la moneta unica non era stata concepita insieme a strumenti capaci di affrontare una crisi come quella esplosa dal 2008.

Leggi tutto...


di Associazione Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese

Venuti a conoscenza del fatto che un gruppo di tifosi di calcio, durante la partita col Tottenham ha esposto uno striscione con scritte antisemite accompagnate da un FREE PALESTINE, condanniamo risolutamente l’uso strumentale della causa palestinese a supporto di ideologie antisemite e/o fasciste con cui non abbiamo niente da condividere nel modo più assoluto.
Il nostro impegno per una Palestina libera, laica e democratica c’impone di prendere posizione contro qualunque strumentalizzazione e, soprattutto, contro qualunque forma di razzismo antisemita e specificatamente antiebraico.

Leggi tutto...

di Antonia Sani*

Al Presidente della Repubblica On. GIORGIO NAPOLITANO
Onorevole Presidente, ci rivolgiamo a Lei con sgomento e forte preoccupazione a seguito delle notizie apparse sui quotidiani e nei notiziari televisivi nella giornata di ieri in ordine a una proposta che il ministro della P.I. Francesco Profumo presenterà questa settimana stessa al Consiglio dei Ministri.

Leggi tutto...

di Paolo Ferrero e Fabio Amato

«Mahmoud Sarsak, 25 anni, di Rafah, Gaza, è un calciatore della nazionale palestinese in sciopero della fame da oltre 85 giorni, perché detenuto illegalmente dal luglio del 2009 nelle carceri israeliane senza accuse né processo. Chiediamo alla nazionale di calcio italiana di non rimanere indifferente e di prendere posizione per la liberazione di Sarsak. Come Prc condanniamo quest’ennesimo caso di violazione dei diritti umani da parte di Israele: vergogna».

Leggi tutto...

Il 4 aprile 2012 la giunta Formigoni (ampiamente screditata da numerosi scandali) ha fatto approvare dal Consiglio Regionale della Lombardia la legge denominata ”Misure per la crescita, lo sviluppo e l’occupazione”, il cui articolo 8 consente in pratica ai dirigenti scolastici degli istituti lombardi di scegliere arbitrariamente una quota di docenti aggirando le graduatorie provinciali. Si tratta di un provvedimento grave ed inaccettabile, che suscita indignazione e preoccupazione, soprattutto nella prospettiva di una sua estensione in altre regioni.

Leggi tutto...