Care compagne e compagni,

tra qualche giorno, il 3 settembre, si terrà il presidio in piazza Montecitorio per rilanciare la campagna sulla sanità di cui anche il nostro partito è promotore.
Vi invitiamo a condividere l'evento facebook che stiamo sponsorizzando perché sia diffuso il più possibile.

Nel chiedere l'attenzione e la partecipazione delle nostre strutture è evidente che tale richiesta viene particolarmente indirizzata alle regioni e federazioni viciniorie nonché al regionale e federazioni del Lazio e a quella romana in modo particolare. Al fine di garantire la più ampia partecipazione vi chiedo di segnalarmi le vostre presenze al presidio al fine di poterli comunicare anche alle altre organizzazioni.

Vi invio il comunicato stampa predisposto dal coordinamento per la manifestazione.
Usiamo questa settimana per far girare il più possibile la notizia del presidio e per allertare le nostre strutture.
In attesa di un vostro riscontro auguro una buona ripresa dell'attività politica a tutte e tutti voi.

Rosa Rinaldi
Segreteria Nazionale, Responsabile Organizzazione PRC-SE

***************************

COMUNICATO STAMPA

Il prossimo 3 Settembre, alle ore 17, in Piazza Montecitorio, Roma, si terrà un presidio a sostegno della campagna “Riconquistiamo il diritto alla salute ( per una sanità pubblica, universale, laica, gratuita)” che ha preso il via lo scorso 1 Luglio e che si articola attraverso una raccolta di firme (online, sulla piattaforma Change.org/riconquistiamo-salute e direttamente nelle piazze d'Italia) a sostegno di una petizione popolare.

Una campagna che rappresenta la risposta, necessaria e possibile, alla crisi del nostro Servizio Sanitario Nazionale, provocata dalle politiche dei governi di centrodestra, centrosinistra, tecnici, che si sono succeduti alla guida del Paese all'insegna del pensiero unico, del liberismo, del dogma dell'austerità.

Politiche decennali di tagli, di riduzione di ospedali, posti letto, servizi territoriali, personale, che hanno progressivamente dismesso ciò che era pubblico a favore di un privato largamente parassitario.
Una crisi che la pandemia da coronavirus ha drammaticamente evidenziato, e che ha inevitabilmente contribuito a determinare la morte di migliaia di persone e di oltre duecento lavoratori della sanità.

E' necessario cambiare radicalmente direzione, dire basta a questo stato di cose.
Per queste ragioni abbiamo promosso la campagna “Riconquistiamo il diritto alla salute (per una sanità pubblica, universale, laica, gratuita)” : proposte chiare, fattibili, sostenibili, perché la salute non sia una merce, ma un diritto, per tutte e tutti!

Per queste ragioni il 3 Settembre saremo in piazza!

Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Risorgimento Socialista, Sinistra Anticapitalista.

Care compagne e cari compagni,
anche quest'anno terremo la nostra festa nazionale a Firenze, dal 10 al 13 settembre e il 14 e 15 prosegue con la festa fiorentina.
Nelle prossime ore vi invieremo il programma; nel frattempo vi inviamo alcune indicazioni utili ai fini del pernottamento e raggiungimento della festa.

Grazie per l'attenzione e ci vediamo a Firenze!

Rosa Rinaldi
Segreteria Nazionale, Responsabile Organizzazione PRC-SE

Diletta Gasparo
Segreteria di Firenze PRC-SE

Festa Nazionale di Rifondazione Comunista 2020
presso Tuscany Hall, Lungarno Aldo Moro 3 (Firenze)

Come raggiungere la Festa
In treno
Dalla stazione di Santa Maria Novella prendere autobus 14 dalla fermata Stazione Piazza Adua (si raggiunge uscendo dalla stazione dal lato farmacia). Scendere alla fermata Casaccia.

In auto
Da fuori Firenze l'uscita consigliata dell'A1 è Firenze Sud. Dopo il casello, percorrere tutto il lungo raccordo verso Firenze. Superato il ponte di Varlungo sull'Arno, al semaforo si gira a sinistra. Dopo 300 metri si trova il Teatro sulla sinistra, di fronte alla sede Rai.

Per pernottamento

Firenze Camping in Town
Via Generale C. A. dalla Chiesa, 1/3, 50136
+39 055 469 8300 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
(campeggio a 1,5 chilometri dalla struttura della festa. Oltre alla possibilità di sistemare camper, roulotte e tende ci sono a disposizione anche bungalow e mini appartamenti indicati per gruppi di persone. Considerati i prezzi e la vicinanza, riteniamo che sia l'opzione più consigliata per le compagne e i compagni che vengono da fuori).

B&B DolceLuna
Via della Bellariva, 20
055 538 3625

B&B Cimabue 9
Via Cimabue 9
055 2341168 - 320 8440186

B&B Luci a Firenze
via Giovanni dalle Bande Nere, 13
339 3444303

Data la situazione particolare che sta vivendo la città, consigliamo alle compagne e ai compagni che volessero cercare altre soluzioni di utilizzare Booking: è possibile trovare soluzioni sia in B&B (ne abbiamo indicati alcuni che si trovano nella zona della struttura ma ce ne sono diversi in città) che in alberghi che appartamenti. Noi restiamo a disposizione per ogni tipo di aiuto: sia nella ricerca che per consigli per quanto riguarda le singole strutture. Chi avesse bisogno può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Note organizzative - IMPORTANTE
Il programma della festa è disponibile su www.prcfirenze.org e www.rifondazione.it. Potete inoltre seguire l'organizzazione dagli account social, in particolare dalle pagine FB di Rifondazione Firenze e dalla pagina nazionale di Rifondazione Comunista, su cui potrete trovare tutti gli eventi con le informazioni dettagliate.

Nell'organizzazione della festa stiamo facendo moltissima attenzione alla normativa per la prevenzione della diffusione di Covid-19. Attueremo tutte le disposizione del caso per fare in modo che tutte e tutti possiamo stare insieme in sicurezza e tranquillità ma per farlo è necessaria la vostra collaborazione. Sarebbe infatti importante riuscire ad avere le prenotazioni dei compagni e delle compagne che verranno alla festa (in particolare alla cena), così da poter gestire la capienza degli spazi in tranquillità. Lo stesso, eventualmente anche per i pranzi sociali del sabato e della domenica. Vi preghiamo quindi di comunicare la vostra presenza a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

2020 FestaNazionale

La desecretazione anticipata rispetto ai tempi previsti, delle 200 pagine dei verbali del Comitato Tecnico Scientifico, struttura fondamentale durante il periodo di emergenza covid 19 lascia ancora troppe domande in sospeso. Pur apprezzando la decisione di rendere fruibili i materiali, da studiare attentamente, restano inevase alcune domande: Se il presidente del consiglio ha scelto il 9 marzo di procedere ad un lockdown totale e non per singole aree geografiche, scelta certamente impopolare, perché non ci sono stati invece provvedimenti immediatamente di chiusura nei paesi della bergamasca in cui più forte si è rivelato il contagio? Per quelle ed altre zone del Paese, in particolare del nord, bisognava dichiarare anzitempo le “zone rosse”. Perché non si è agito subito e non così tardi? Quale è stato il ruolo reale di regioni e prefetture? Si potevano disporre già da febbraio misure adeguate? Facile certamente parlare col senno del poi avendo alle spalle 35 mila vittime. Oggi crescono i negazionisti che chiedono di dimenticare tutto, evitare ogni forma di sostegno al reddito in nome della ripresa dell'economia e del profitto. Eppure quanto accade in America Latina, negli USA, in India, dovrebbe far capire che o si mettono al primo posto la salute e l'integrità dei bisogni delle persone o si riprecipita facilmente nel disastro. Se la scelta di governo e opposizioni è quella di obbedire a Confindustria, questa non è la scelta di Rifondazione Comunista.

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale PRC-S.E.
Rosa Rinaldi, Segreteria nazionale PRC-S.E.

covid19

Care/i

come da precedenti comunicazioni vi informavo dell'iter parlamentare che auspicabilmente dovrebbe portare alla ricostituzione del Corpo Forestale.
Avevo allegato anche nostro comunicato in cui il partito (ri)prende posizione in merito...

Su questo filone d'intervento si sta inserendo l'importante iniziativa del nostro compagno Dimitrij Palagi, consigliere comunale a Firenze. In allegato trovate bozza di odg che lo stesso ha preparato per impegnare il consiglio comunale nel sostegno al processo di ricostituzione del CFS. Naturalmente, come per altre iniziative analoghe, si tratta solo di un'azione dal carattere simbolico, ma dal forte valore politico e di sensibilizzazione.

Invitiamo pertanto i segretari regionali presenti in questa lista (in particolare modo delle regioni prive dell'autonomia che le ha salvate dalla legge Madia) a trasmettere questo modello ai/alle nostri/e consiglieri nei vari livelli amministrativi, affinché intraprendano altrettante iniziative di presentazione di odg a sostegno della ricostituzione del CFS.

Un abbraccio

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale PRC-SE
Gregorio Piccin, Responsabile Pace PRC-S.E.

 

Pensionati e lavoratori si mobilitano in diverse parti d’Italia con scioperi e manifestazioni promosse da CGIL CISL E UIL insieme ai sindacati dei pensionati e della sanità, a partire da domani a Trieste. Gli anziani sono la "categoria" più colpita dal Covid e dai tagli alla sanità pubblica che hanno colpito pesantemente la medicina territoriale e i servizi di prevenzione e indebolito tutto il sistema. Il diritto alla salute previsto dall'art. 32 della Costituzione va tutto riconquistato, attraverso un piano per le assunzioni di personale sanitario nelle strutture pubbliche dopo anni di piante organiche bloccate e di aumento intollerabile del precariato in sanità, il rafforzamento della prevenzione, dei servizi territoriali e della diagnostica.

Va attivato immediatamente un piano per il recupero del pesantissimo ed ormai, per le persone, insostenibile allungamento dei tempi e delle liste di attesa per la diagnostica, interventi programmati e sospesi, visite specialistiche; insomma bisogna che a livello nazionale ci si doti di un vero e proprio piano strategico con assunzioni e investimenti adeguati per garantire davvero il diritto alla salute e alla cura.

Rifondazione Comunista sostiene la lotta degli anziani e dei lavoratori promossa dai sindacati confederali che prevede la manifestazione di domani a Trieste, lo sciopero contro le politiche dell'Azienda Sanitaria del Friuli occidentale il 24 a Pordenone e il 23 luglio di nuovo una manifestazione a Pescara, davanti all'assessorato regionale alla sanità per ottenere un piano straordinario per la medicina territoriale.

Rifondazione comunista da tempo rivendica il rilancio di un Servizio Sanitario Nazionale fondato su prevenzione, diagnosi e cura con una fitta rete di servizi sociosanitari sul territorio così come previsto dalla legge 833. Perciò saremo in piazza a sostegno della giusta lotta dei pensionati, dei lavoratori del settore sanitario e delle tante persone che vivono con angoscia la propria condizione di attesa per poter ricevere, le cure necessarie.

Rosa Rinaldi, Segreteria nazionale PRC-S.E.
Antonello Patta, Responsabile lavoro PRC-S.E

riconquistiamoCare compagne e cari compagni,

come saprete dal 1 Luglio, data in cui abbiamo tenuto una conferenza telematica di presentazione della campagna: “Riconquistiamo il diritto alla salute”, una petizione promossa da diverse organizzazioni della sinistra di classe.
La campagna a sostegno della petizione popolare per riconquistare una sanità pubblica universale, laica, gratuita ed un Servizio Sanitario Nazionale così come previsto dalla legge 833,si articola sia, attraverso la raccolta di firme on line all'indirizzo https://Change.org/riconquistiamo-salute, sia attraverso i moduli cartacei che vi inviamo insieme alla petizione.

Questa è una delle iniziative cui partecipiamo e promuoviamo, come saprete siamo impegnati e partecipiamo parimenti alle iniziative promosse da Medicina Democratica per la costituzione di un coordinamento nazionale di cui facciamo parte.

La crisi del nostro Servizio Sanitario Nazionale, provocata
dalle politiche dei governi di centrodestra, centrosinistra, tecnici, e da decenni di tagli e de-finanziamento della sanità pubblica, blocco delle assunzioni, privatizzazioni ed esternalizazioni.
a favore della sanità privata largamente parassitaria.
Una crisi, quella che stiamo attraversando, che la pandemia da coronavirus ha drammaticamente evidenziato, e che ha
determinato la morte di migliaia di persone e diverse centinaia di lavoratori e lavoratrici
della sanità.
Ha preso il via, quindi, la campagna “Riconquistiamo il diritto alla salute” con proposte chiare,
e sostenibili, perché la salute torni ad essere un diritto, per tutte e tutti!

A sostegno della campagna è stato programmato per il 3 settembre un presidio a piazza Montecitorio ed in contemporanea chiediamo che si organizzino presidi, raccolta firme e volantinaggi nei territori, davanti alle regioni o prefetture o ospedali o dove riterrete più opportuno manifestare, nei prossimi giorni vi forniremo maggiori dettagli sul presidio.

Di seguito vi alleghiamo: la petizione con i relativi moduli per la raccolta firme, i link a change.org per firmare e alla pagina FB da pubblicizzare.

Grazie per l'attenzione e buon lavoro.

Rosa Rinaldi
Segreteria Nazionale, Responsabile Organizzazione PRC-SE

Allegati:

Care compagne e cari compagni,

abbiano pensato di fare cosa utile predisponendo la stampa di alcuni modelli di mascherine "personalizzate", alcune con il simbolo del Partito, altre invece con un semplice stella gialla, di uso più universale.
La ripresa delle iniziative in presenza, pur nel permanere di alcune limitazioni, può offrire occasioni per proporle anche al di fuori del Partito, anche ai fini dell'autofinanziamento.
Per poterle ottenere è necessario prenotarle. La spedizione verrebbe fatta, come abbiamo già positivamente sperimentato con i volantini della campagna sul lavoro, presso i Regionali che provvederebbero a distribuirle alle Federazioni. Anche in questo caso, è necessario che venga effettuato preventivamente il pagamento, versando l'importo corrispondente sul conto della Direzione Nazionale.
Se saremo in grado di ordinarne un numero significativo, possiamo averle al costo di 5 € al pezzo, comprensivo delle spese di spedizione.
Nella foto allegata potete vedere i modelli proposti.

Le ordinazioni dovranno pervenire non oltre venerdì 24 luglio, in modo da poter provvedere alla spedizione prima delle ferie estive.

Il versamento dovrà essere effettuato sul conto presso Banca Etica n. 1171520/8 intestato a Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra
Europea, IBAN IT74 E050 1803 2000 0001 1715 208

I Regionali che abbiano necessità di indicare un recapito diverso per la spedizione, dovranno comunicarlo entro la stessa data di venerdì 24. In assenza di indicazioni diverse la spedizione sarà indirizzata presso la sede regionale.

Cari saluti

Rosa Rinaldi, segreteria nazionale, Responsabile nazionale Organizzazione PRC-SE
Vito Meloni, segreteria nazionale, Tesoriere nazionale PRC-SE

mascherineweb

Care compagne e cari compagni

vi inviamo una bozza di volantino sul vergognoso contributo di 300 milioni per le scuole "paritarie" che potete diffondere firmandolo come Regionali e/o Federazioni.
Laddove possibile consigliamo di fare presidi e conferenze stampa perchè si tratta di una scelta vergognosa che vede insieme maggioranza e opposizione.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale PRC-SE
Loredana Fraleone, responsabile Scuola, Università e Ricerca PRC-SE

BASTA SOLDI ALLE SCUOLE PRIVATE. PD, LEU E DESTRA UNITI CONTRO LA COSTITUZIONE


Il voto quasi unanime a favore del regalo di 300 milioni di euro alle scuole private è un’offesa alla scuola pubblica depauperata da anni e anni di tagli. Pd, LeU e destra non si sono neanche preoccupati di imporre ai privati di assumere con contratti a tempo indeterminato e garantendo la retribuzione tutto l’anno insegnanti che spesso hanno la partita Iva.

I 300 milioni non sono che un nuovo episodio di assistenzialismo alle scuole private. Pd, LeU e destra hanno votato insieme ma la Meloni aggiunge che “non basta, è solo un primo passo”. Ne vorrebbe dare ancora di più? Facciamo notare che per affrontare l’emergenza si stanziano 346 euro per ogni studente "paritario" e solo 305 per ogni studente della scuola pubblica.

Ricordiamo che l’articolo 33 della Costituzione recita: “Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.” Purtroppo questo articolo non esiste per i partiti di maggioranza e opposizione.

Noi di Rifondazione Comunista ci siamo sempre battuti contro il finanziamento delle scuole private e per il rispetto della Costituzione. Siamo indignati ma non sorpresi perché dalla fine degli anni ’90 il centrosinistra anche su questo ha fatto proprie le posizioni della destra. In Italia il finanziamento delle scuole private è stato reso possibile dalla legge 62 di parità scolastica approvata dal centrosinistra ai tempi del governo D’Alema con il nostro voto contrario.

È uno dei tanti esempi che aiutano a capire perché da anni diciamo che c’è bisogno di ricostruire una sinistra alternativa rispetto a tutti i poli esistenti e che si batta per l’attuazione della Costituzione.


Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea

volantino

Rifondazione Comunista sostiene e partecipa alla manifestazione per il potenziamento del servizio Sanitario Nazionale, indetta dal “Forum per il diritto alla salute” che si svolgerà sabato 4 luglio, a partire dalle ore 10.30 al Ministero della Salute, lungotevere a Ripa 1 (altezza Isola Tiberina), Roma.

Con la Pandemia Covid-19 sono emersi, ancora di più, i disastri prodotti dalla modifica del titolo V della Costituzione. Oggi, malgrado il dramma del Coronavirus, la maggioranza delle forze politiche vuole andare avanti sul progetto del “regionalismo differenziato” impoverendo ancora di più il sistema sanitario di tutte le regioni. Rifondazione ritiene che sia ormai evidente la necessità di seguire altre strade per superare le inefficienze e le difficoltà, i punti critici emersi nel servizio sanitario con la pandemia. Per questo condividiamo le proposte avanzate dal “Forum per il diritto alla salute” e riteniamo che, per ripristinare un Servizio Sanitario Pubblico efficiente, sia necessario mettere in atto i seguenti imprescindibili punti:

- assumere personale a tempo indeterminato (medici, infermieri, tecnici, OSS)

- aprire nuove strutture sanitarie pubbliche territoriali,

- contrastare le esternalizzazioni e l’accreditamento ai privati, (che in molte regioni supera il 50%) attraverso la reinternalizzazione dei servizi e dei dipendenti

- eliminare il numero chiuso nelle lauree sanitarie,

- sviluppare le attività pubbliche di prevenzione sanitaria

- indirizzare tutti i finanziamenti (europei, nazionali, regionali) verso i servizi di prevenzione e di cura Pubblici.

L’esperienza del coronavirus ci ha insegnato una cosa che possiamo riassumere in due frasi: la Sanità Pubblica cura le cittadine e i cittadini, la Sanità Privata sfrutta i malati per fare profitti. Per questi motivi è necessario ripristinare una forte Sanità Pubblica.

Rosa Rinaldi, segreteria nazionale del Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea

Alle/ai componenti il CPN del PRC-SE
Alle/ai segretarie/i regionali e di Federazione del PRC-SE
Loro sedi

Care compagne e cari compagni,

il lungo periodo di emergenza sanitaria ha inevitabilmente condizionato la nostra iniziativa politica, che pure ha continuato ad esprimersi nonostante le pesanti limitazioni.

In particolare l'organizzazione delle Feste, che già subiva le complicazioni dei vincoli normativi sul piano della sicurezza, viene penalizzata dai nuovi vincoli introdotti per la riapertura delle attività post Covid.

Nonostante questo, riceviamo richieste di informazioni da alcuni circoli e Federazioni che sono intenzionati ad organizzare la Festa anche quest'anno. Riteniamo molto positiva la volontà di ripartire con le iniziative e riavviare spazi di confronto e partecipazione collettivi, che sono anche importante fonte di autofinanziamento per circoli e Federazioni; è fondamentale però che l'organizzazione delle attività sia strettamente aderente alle norme e sottoposta alla verifica costante della loro applicazione durante lo svolgimento delle iniziative, per evitare sanzioni e polemiche che nel caso non ci sarebbero certo risparmiate.

Per orientarsi nell’insieme di prescrizioni, provvedimenti e divieti, pensiamo possa essere utile dare qualche indicazione:

oltre alle misure di prevenzione igienico-sanitarie valide per l'ambito generale, quali la messa a disposizione dei dispositivi di protezione individuale, per quello che ci interessa si deve fare riferimento al DPCM del 17 maggio scorso sulle "riaperture", declinato dalla Conferenza delle Regioni in indirizzi operativi per i singoli settori di attività e le linee generali per gli spettacoli dal vivo e per gli spazi bar e ristorazione (in allegato). Le Regioni poi, con ordinanze specifiche, disciplinano i dettagli delle riaperture, definendo le norme precise a cui attenersi (ad esempio riguardo capienze e distanziamenti), norme che è indispensabile conoscere per l'organizzazione delle attività e per determinare le regole di comportamento. Faccio l'esempio della Regione Emilia Romagna che con ordinanza del 6 giugno indica una massimo di 200 spettatori per gli spettacoli al chiuso e 1.000 per quelli all'aperto.

E’ quindi necessario prima di tutto consultare gli atti delle singole Regioni (dove emessi) e successivamente verificare eventuali ordinanze comunali che talvolta specificano ulteriormente la disciplina locale. In molti casi è sufficiente rapportarsi al livello comunale che dovrebbe recepire tutta la normativa per l’organizzazione delle iniziative pubbliche.

Relativamente agli altri adempimenti burocratici, vi informiamo che anche per il 2020 è possibile usufruire della convenzione sottoscritta con UNIPOL nei termini indicati dalle schede che trovate in allegato, dove sono indicati anche i riferimenti a cui rapportarsi.

L' impianto delle polizze si basa sull'adesione tramite Bonifico o CCP delle singole strutture territoriali, alle polizze/convenzione stipulate dalla Direzione del Partito.

Le garanzie acquistabili anche separatamente a prezzo calmierato sono:

1- Polizza di Responsabilità Civile verso terzi

2- Pacchetto Festa con garanzie Incendio/atti vandalici/Furto/Tutela Legale/ Infortuni degli organizzatori e dei volontari che presenti negli stand del partito.

Sono inoltre confermati per il 2020 gli accordi con SIAE per gli spettacoli dal vivo per gli stessi importi previsti nell'anno 2014 (vedi allegato), che comunque sono sempre da contrattare con le agenzie locali perchè determinati dipendentemente dalle caratteristiche dello spettacolo.

Date le oggettive difficoltà, pensiamo che, se ci si trova nella comprensibile impossibilità di allestire fisicamente le Feste, sarebbe ugualmente importante provare ad organizzare appuntamenti in modalità alternative. Le iniziative digitali organizzate in questo periodo di sospensione hanno ottenuto anche buoni riscontri.

Nell'augurare a tutte e tutti una buona stagione di iniziative, vi ricordo che è importante segnalarne lo svolgimento scrivendo a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , per implementare il calendario che anche quest'anno è consultabile nel sito alla sezione "Feste".

Rosa Rinaldi
Segreteria Nazionale, Resp.le Organizzazione PRC-SE

Eliana Ferrari
Responsabile Feste PRC-SE

Cerca

FB Rosa Rinaldi

 

fabrosa