tavtoli“Francamente le ragioni addotte dai promotori della seconda manifestazione Si Tav a carattere nazionale che si terrà sabato a Torino - dichiara Ezio Locatelli, segretario provinciale Torino e componente la segreteria nazionale Prc - suonano alquanto patetiche. Senza la Torino-Lione, ovvero di un’opera che autorevoli studiosi hanno dimostrato essere inutile e fonte di un immane spreco di denaro pubblico, “l’Italia perderebbe la più grande occasione di rilancio dei prossimi decenni”. Quasi una questione di vita o di morte per il nostro Paese.

Leggi tutto...

Ezio Locatelli, segretario provinciale di Torino e componente la segreteria nazionale Prc-Se, dichiara:
Il tempo delle ambiguità è finito. Non si può rimanere inerti a fronte della proposta di Sergio Chiamparino di andare alle prossime elezioni regionali con una coalizione civica “Sì, al Piemonte del Sì” che ricalca in pieno i contenuti della piazza delle madamine e degli imprenditori. Una coalizione senza tanti distinguo – “i partiti si adeguino” dice Chiamparino - a servizio dei potentati economici, aperta a settori della destra a cominciare da Forza Italia.

Leggi tutto...

La direzione nazionale del Partito della Rifondazione Comunista nell’ambito dei processi di riorganizzazione e di rilancio del Partito così come approvati nella direzione nazionale di Napoli del 25 maggio

preso atto dell’ordine del giorno approvato all’’unanimità dal Comitato Politico della Federazione Castelli/Litoranea in data 15.11.2018 col quale si da parere favorevole all’accorpamento con la Federazione di Roma;

preso atto del’ordine del giorno approvato a larga maggioranza dal Comitato Politico della Federazione di Roma in data 23 novembre 2o18 favorevole alla confluenza delle Federazione Castelli con la Federazione di Roma;

constatato che il Comitato Politico regionale del Lazio, su proposta della segreteria regionale, ha approvato in data 12.12.2018 un ordine del giorno con cui si esprime tra l’altro apprezzamento riguardo la proposta di accorpamento della Federazione dei Castelli/Litoranea con la Federazione di Roma, proposta che contribuirà a sviluppare meglio le iniziative politiche sociali che interessano tutta l’area metropolitana, coinvolgendo anche le Federazioni di Tivoli e Civitavecchia,;

approva l’accorpamento delle due Federazioni dando mandato alle stesse di procedere all’integrazione degli organismi dirigenti tenuto conto delle specificità territoriali e di quanto già emerso nella discussione dei vari organismi deliberativi. Ai fini di un effettivo rilancio della presenza e dell’iniziativa del Partito la direzione nazionale ritiene opportuno una riunione congiunta degli organismi dirigenti delle due Federazioni per una definizione più puntuale degli assetti organizzativi a livello territoriale.

Approvato con 20 voti favorevoli, 4 contrari, 1 astenuto

236360 fiatLa Fca (ex Fiat) perde il pelo ma non il vizio. La decisione dei vertici aziendali di disertare il confronto con i Consigli della Regione Piemonte e del Comune di Torino programmato in data odierna la dice lunga sulla effettiva volontà di un confronto dell’azienda riguardo i propri intendimenti industriali che tenga conto degli interessi pubblici. Motivo della decisione aziendale: il provvedimento ventilato dal governo di un’ecotassa sugli autoveicoli ad alimentazione tradizionale (benzina e diesel) in quanto lo stesso “cambia i presupposti del nostro piano industriale”. Invece che discutere a carte scoperte dell’annunciato piano di rilancio industriale ed occupazionale, certo anche dell’efficacia o meno del provvedimento bonus/malus per incentivare l’acquisto di auto elettriche ed ibride, la Fca ricatta. La qual cosa dovrebbe suscitare indignazione.

Leggi tutto...

confisitavMistificatorio e anche un po’ ridicolo. Parlare della Tav Torino Lione come di un investimento per la crescita e lo sviluppo del Paese è come parlare dei cavoli a merenda. Questo è quanto fatto dalle dodici associazioni imprenditoriali che si sono ritrovate oggi a Torino. Fa niente se l’opera oltre che inutile, distruttiva ha costi enormi. L’importante è farla e chi se ne frega, in questo caso, del debito pubblico! Il motivo di fondo lo spiega bene un rappresentante di una delle associazioni imprenditoriali presenti: “non solo gli appalti e i subappalti del cantiere ma le stesse opere di compensazione possono essere un’occasione di crescita per le imprese”. Più chiari di così non si poteva essere.

Leggi tutto...

notav8dCare compagne e cari compagni,

la presente per invitare le diverse realtà territoriali di Rifondazione Comunista ad organizzare la partecipazione alla Manifestazione nazionale per sabato 8 dicembre, promossa dal movimento NoTav della Valsusa e dalla rete di comitati ad esso collegato contro le grandi opere inutili e dannose, lo spreco di denaro pubblico.

L'otto dicembre è anche la giornata internazionale contro le grandi opere inutili ed imposte e nessuna lo è più della TAV.

Il ritrovo per tutt@ è alle ore 14.00 in Piazza Statuto.

Inutile rimarcare l'importanza della manifestazione a sostegno di uno dei movimenti di lotta più importanti del nostro Paese anche in risposta alla recente manifestazione SiTav promossa dalla associazioni imprenditoriali, dagli ordini professionali, dalle forze di centrodestra e centrosinistra il cui obiettivo è segnare una svolta nella vicenda Tav, mettendo a tacere le voci che si sono opposte in questi anni alla realizzazione di un'opera affaristica e distruttiva.

l/le compagn@ che vengono dalle diverse realtà sono invitati/e a portare bandiere e striscioni di partito. E' possibile ritrovarsi presso la sede provinciale del PRC ed il Circolo “La Poderosa”, in Via Salerno 16 a Torino dove funzionerà, dalle ore 10.00 alle 13,30, un servizio di ristoro. Da lì si partirà a piedi, non più tardi delle ore 13,30, per raggiungere a poche centinaia di metri, il ritrovo NoTav e organizzare lo spezzone del Partito.

In allegato, vi inviamo la locandina della Manifestazione.

Per informazioni telefonare al numero 0114817312.

Fraterni saluti

Ezio Locatelli - responsabile organizzativo Prc-Se
Elena Mazzoni – responsabile ambiente Prc-Se

Alle/ai Segretarie/i regionali, di Federazione e di Circolo PRC-SE
Alle/ai Compagn@ responsabili Partito Sociale
p.c. Alle/ai componenti del CPN

Verona domenica 25 novembre 2018

Mutualismo, conflittualità, pratiche sociali, 10 anni di partito sociale

Ore 10: inizio dei lavori
Introduce Fiorenzo Fasoli segreteria regionale del Veneto

Relazioni a cura di Ezio Locatelli, Monica Sgherri, Loredana Marino

Ore 13: Pranzo sociale

Ore 15:
Testimonianze e contributi dai territori di compagne e compagni che lavorano quotidianamente sul fronte del mutualismo e delle pratiche sociali

Ore 17:
Conclusioni di Loredana Marino responsabile nazionale Partito Sociale

c/o sede del Partito della Rifondazione Comunista Via P. Benedetti, 18 - Verona

- Per chi arriva in auto:
uscita autostradale Verona Sud
proseguire in superficie seguendo le indicazioni per Ospedale Borgo Roma, prendere la prima strada a destra, superare due semafori procedendo diritto
al terzo semaforo svoltare a sinistra, procedere per circa 400 metri e prendere la prima strada a sinistra (è via Benedetti), dopo 300 metri circa, lasciare la macchina al parcheggio che si trova a sinistra proseguire a piedi per 200 metri. La sede è al numero 18.

- Per chi arriva in treno:
dal piazzale della stazione, ogni 30 minuti, parte dalla pensilina B2 la linea 93, dopo circa 20 minuti fermata di VIA GOLINO.
Proseguendo a piedi per pochi metri si incrocia, a destra, via Benedetti. La sede è al numero 18. Per l'autobus serve il biglietto urbano che si può acquistare presso:
- la tabaccheria atrio stazione (se aperta);
- la biglietteria automatica in testa alle pensiline C2 e C3;
- direttamente dall'autista dell'autobus con sovraprezzo (euro 2,00) meglio con moneta.

- Ci stiamo organizzando anche con un nostro servizio di navetta dalla stazione.
L'operazione è facilitata se veniamo a conoscenza di chi e quante/i arrivano.
Per info Fiorenzo Fasoli 3349705219.

Per la Segreteria nazionale

Loredana Marino – responsabile Partito Sociale
Ezio Locatelli - responsabile Organizzazione

notav-festival-1024x577di Ezio Locatelli*

Oggi su La Stampa Sergio Chiamparino dichiara che “dopo la manifestazione di sabato nulla può essere come prima…che quella manifestazione ha segnato uno spartiacque”. Dove vuole andare a parare è presto detto: “il Si alla Tav è condizione necessaria e imprescindibile per fa parte di un’alleanza di centrosinistra che lavori per il futuro del Piemonte…questo vale anche per i miei amici Airaudo e Grimaldi”. Più chiaro di così il Presidente della Regione Piemonte non poteva essere. La stessa chiarezza, almeno allo stato attuale, non si può dire di Sinistra Italiana e forze affini che, al di là di continuare a stare in maggioranza col Pd e Chiamparino, hanno finora pensato di ripresentarsi con il centrosinistra Si Tav alle prossime elezioni regionali.

Leggi tutto...

popolochieriEzio Locatelli e Luigi Cerini, rispettivamente segretario provinciale Prc di Torino e segretario Circolo di Chieri Prc-Se dichiarano:

È proprio il caso di dirlo, Davide sconfigge Golia. La Corte d’Appello di Torino ha riconosciuto a Rifondazione Comunista la piena titolarità della Casa del Popolo di Chieri (Torino) rigettando la pretesa della Banca Popolare di Milano di acquisire la proprietà dell’immobile. Costruita negli anni ’50 del secolo scorso col sudore e il sacrificio dei militanti della locale sezione del Pci la Casa del Popolo è stata abbandonata e messa in vendita con lo scioglimento del Pci stesso.

Leggi tutto...

discesa-280615-4di Ezio Locatelli* -

L’idea sbruffona della lobby affaristica Si Tav è quella di replicare una sorta di “marcia dei quarantamila”. Allora, 38 anni fa, migliaia di capi e capetti, crumiri della Fiat (in realtà molto meno di 40 mila) scesero in piazza per mettere a tacere i lavoratori in lotta contro i licenziamenti di massa decisi dall’azienda. L’obbiettivo oggi è l’affondamento della lotta del movimento NoTav. Sabato 10 novembre imprenditori, costruttori, finanzieri, ordini professionali vari, sindacati gialli, forze di centrodestra e centrosinistra, gruppi di potere scenderanno in piazza per chiedere la realizzazione, senza se e senza ma, della tratta miliardaria di Alta Velocità Torino Lione, tratta comprensiva del’apertura di un nuovo tunnel transfrontaliero di oltre 57,5 chilometri tra Saint Jean de Maurienne e Susa.

Leggi tutto...

Cerca

FB Rosa Rinaldi

 

fabrosa