Il vero volto del governo Meloni si mostra con tutta l’arroganza possibile: abbandonare gli strati più fragili o poveri. Ciò che viene fatto cancellando il reddito di cittadinanza così come non rifinanziando il fondo per il contributo fondo attivi e per la morosità incolpevole.

Anche in conseguenza della mancanza di lavoro totale o parziale, molte famiglie non potranno sostenere un canone locativo speculativo, con un'ulteriore impennata degli sfratti.

Dopo decenni di governi di centro destra e di centro sinistra, a fronte di questi provvedimenti devastanti, anche questo governo non prevede un piano straordinario Casa per affrontare il bisogno di alloggio a canone popolare.

Avevamo già denunciato il crescente dilemma delle famiglie obbligate a scegliere tra mangiare o pagare l’affitto o le bollette con il rischio conseguente di sfratto per morosità, o distacco delle utenze. La situazione è drammatica: quasi il 10 % delle famiglie italiane sotto la soglia di povertà assoluta di cui poco meno della metà vive in affitto!

I primi provvedimenti concreti di questo governo di destra provocano una accentuazione dell’allargamento della forbice sociale con effetti sempre più drammatici, diseguaglianze sempre più laceranti: la mancanza di casa nega a una famiglia il diritto di crescere con dignità e serenità i propri figli, la mancanza di alloggi e i posti letto a prezzo esoso negano il diritto allo studio a centinaia di studenti che quindi non possono permettersi un posto letto e che - non casualmente – in questi giorni stanno manifestando in molte città italiane

Rifondazione e i suoi sportelli è impegnata nella difesa degli sfratti, nel sostegno alle famiglie per rientrare nelle graduatorie comunale, nella difesa del diritto alla casa preparando i ricorsi all’ONU per grave violazione dei diritti umani quando le famiglie sono abbandonate agli sfratti con forza pubblica senza nessun supporto da parte delle amministrazioni.

Per rifare il punto sulla pratiche degli sportelli e sulle situazioni dei vari territori, per costruire vertenze e campagne di mobilitazione contro il caro bollette e il diritto alla casa, per bloccare l’esecuzione degli sfratti senza soluzione abitativa alternativa, è indetta una riunione

Giovedì 25 maggio, ore 21.00

Piattaforma Zoom https://us02web.zoom.us/j/83036451240

Inoltre

Relazioni: Monica Sgherri, resp.le diritto all’Abitare, Walter De Cesaris, Segretario Unione Inquilini, Cesare Ottolini, U.I. e Alleanza internazionale degli Abitanti, Ezio Locatelli, segreteria nazionale PRC, resp.le Organizzazione, Nicolo Martinelli, segreteria nazionale PRC, responsabile Partito sociale.

Hanno garantito il loro intervento:

Sandro Targetti, sportello Resistenza Casa; Loredana Marino, sportelli a Salerno, Valeria Alloccati, Trentino; Chiara Petrelli, Messina; Fabio Cochis S.O.S. Casa, Bergamo; Daniela Ruffini, Sportello sociale Padova; Walter Rapattoni, Abruzzo; Ninni Cirincione , Palermo; Marco Carroccia, sportello casa Cinecittà Roma; Fabrizio Baggi, segretario regionale Lombardia; Fiorenzo Fasoli, sportello PRC Verona.

Data l'importanza dei temi trattati, inoltriamo la circolare in oggetto - indirizzata soprattutto ai territori - per conoscenza anche ai/le componenti il CPN e il CNG, estendendo l’invito a partecipare a compagn@ interessati/e e invitandoli a comunicare la propria presenza a

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Saluti comunisti

Monica Sgherri, Resp.le diritto alla Casa e diritto all’Abitare PRC-SE
Ezio Locatelli, Segreteria nazionale, Resp.le Organizzazione PRC-SE
Nicolò Martinelli, Segreteria Nazionale, Resp.le Partito sociale PRC-SE

Siano all’ennesima riprova che la linea di Altra velocità Torino Lione è un’assurdità che grida scandalo. Dopo che il Coi (Conseil d’orientation des infrastructures), l’organo francese che valuta le opere pubbliche, ha ribadito per l’ennesima volta che non ha alcun senso realizzare la nuova linea di Alta velocità Torino Lione, i lavori dell’opera vanno fermati, punto e basta. Sono numerosi gli studi che contestano costi dell’opera decisamente superiori ai benefici, che dimostrano l’assenza di una domanda di traffico corrispondente.

Meglio, dicono ancora gli studi, concentrarsi sul potenziamento della linea esistente riducendo così, di molto, le spese di investimento. Soltanto logiche speculative, affaristiche possono ancora giustificare la realizzazione di un’opera faraonica, inutile che tra le altre distruzioni comporta lo scavo di un tunnel di oltre 57 chilometri sotto il Moncenisio. Logiche che hanno trovato da sempre sponda in tutte le consorterie politiche di destra e centrosinistra, consorterie che non hanno trovato di meglio che fare la guerra al movimento NoTav. Oggi ci sono ancora più ragioni di ieri per contrastare il Tav in Valsusa. Siamo a fianco del movimento No Tav nella lotta contro un’opera assurda e distruttiva fino alla vittoria!

*Segreteria nazionale Rifondazione Comunista-Sinistra Europea,
coordinamento nazionale provvisorio di Unione Popolare

Care e cari compagne/i in indirizzo,

in attuazione di quanto deciso unitariamente nella Direzione nazionale del PRC-SE del 27 aprile u.s. (vedi documento allegato su “ antifascismo, campagne contro la guerra, salario minimo e tesseramento” ), si è svolto nei giorni scorsi un incontro fra una delegazione della Segreteria nazionale guidata dal segretario Acerbo con una delegazione del COMITATO ITALIA PER LA PACE, comitato promotore del referendum contro la guerra, con la presenza tra gli altr@ del prof. Mattei.

Nella riunione è stata concordata la nostra modalità di partecipazione come PRC-SE alla campagna referendaria, sia in termini di iniziative autonome con banchetti di raccolta firme, appena possibile in maniera contestuale alla raccolta firme per la legge di iniziativa popolare (LIP) da noi promossa per il SALARIO MINIMO (raccolta firme che partirà a breve, a cui seguiranno indicazioni da parte del Dipartimento nazionale Lavoro), e sia in termini di raccordo unitario con il COMITATO PROMOTORE.

Data di inizio raccolta firme per il referendum contro la guerra è 22 APRILE 2023.

Questa data è importante, perché da essa decorrono i 90 giorni di tempo per la raccolta firme su tutto il territorio nazionale.
Sono stati predisposti due moduli in pdf stampabili su foglio A3, grammatura ideale non inferiore a 120 gr/mq, da piegare a metà con l’indicazione del singolo quesito
referendario, 35 righe disponibili, la parte relativa all’autenticazione delle firme e la parte riguardante la certificazione elettorale.

VI INVIAMO, pertanto, in allegato un articolato VADEMECUM con la descrizione di tutte le operazioni necessarie.

La nostra priorità come PRC-SE ed eventualmente come UNIONE POPOLARE è quella di concentrarci sull’organizzazione dei banchetti per permettere, come detto sopra, la contestualità con la raccolta firme per LIP da noi promossa per il SALARIO MINIMO.

AMMISSIBILITA’ del quesito referendario:

Il quesito referendario, incollato qui sotto, è - a nostro avviso – AMMISSIBILE ai sensi dell art. 75 della COSTITUZIONE (e degli art. 7 e 27 della legge 352/70), e la spinta politica derivante dalla raccolta firme nei banchetti, oltre quella on line, E’ NECESSARIA PER AUMENTARE LA COSCIENZA E LA CONOSCENZA POPOLARE.

«Vuoi tu che sia abrogato l'art. 1 del decreto-legge 2 dicembre 2022, n. 185 (Disposizioni urgenti per la proroga dell'autorizzazione alla cessione di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari in favore delle Autorità Governative dell'Ucraina), convertito in legge n. 8 del 27 gennaio 2023 nelle parole: "E' prorogata, fino al 31 dicembre 2023, previo atto di indirizzo delle Camere, l'autorizzazione alla cessione di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari in favore delle Autorità Governative dell'Ucraina, di cui all'art. 2-bis del decreto-legge 25 febbraio 2022, n. 14, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 aprile 2022, n. 28, nei termini e con le modalità ivi stabilite."?»

Care compagne e cari compagni in indirizzo siamo, ovviamente a Vostra disposizione per ogni chiarimento e/o integrazione, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando a Raffaele Tecce (3346603135).

Affettuosi saluti comunisti

Ezio Locatelli, segreteria nazionale, responsabile Organizzazione PRC-SE
Raffaele Tecce, segreteria nazionale, responsabile Enti Locali ed Ufficio Elettorale PRC SE

di Ezio Locatelli* -

E’ partita la campagna straordinaria del tesseramento a Rifondazione Comunista, campagna che durerà fino al 4 giugno. L’obiettivo che ci poniamo è di andare a un’ulteriore crescita di Rifondazione rispetto ai risultati positivi conseguiti l’anno scorso grazie anche e soprattutto al lavoro di svolgimento della Conferenza Nazionale di Organizzazione. Sappiamo di un obiettivo ambizioso, controcorrente dato il clima di delegittimazione se non di criminalizzazione del comunismo. Il neoliberismo è anche questo, il tentativo di espungere, di rendere inammissibile, con tutti i mezzi necessari, qualsiasi pensiero critico, qualsiasi tipo di opposizione situata al proprio esterno. Ma detto ciò pensiamo anche che questo sia un momento di possibilità, di crisi del capitalismo. Una crisi generale pervasa da minacce cruente – guerre, cambiamenti climatici, disuguaglianze insostenibili - che sono motivo di inquieto ripensamento. Un’occasione che va colta in pieno.

Prima c’era il pensiero unico, adesso c’è il suo contrario. Una parte maggioritaria di popolazione, quella che più vive sulla propria pelle la perdita di reddito, sicurezza sociale, salute, che più vive le ricadute delle scelte di riarmo e di guerra, non è più disponibile a stare al gioco della politica tutta uguale. E’ la politica portata avanti dalle forze liberiste di destra o di pseudo sinistra che fa solo gli interessi di classe di chi sta in alto della scala sociale contro chi sta in basso. Sono sempre di più i segnali di insofferenza, esodo, rifiuto per un sistema che non fa altro che peggiorare la condizione lavorativa e di vita di larghe masse popolari. In questa situazione non si tratta più solo di andare “in direzione contraria e ostinata”. Dopo la distruzione politica subita negli ultimi tre decenni abbiamo la possibilità di riguadagnare l’idea di dovere essere altro da un sistema ingiusto, insostenibile, fallimentare. Questa possibilità c’è a condizione di esserci, di riprendere piglio, capacità di iniziativa, di impegnarci in un lavoro di rifondazione dell’antagonismo politico, di ridare vigore a un progetto di trasformazione sociale. C’è a condizione di un rilancio dell’organizzazione – insieme al rilancio del progetto – perché le diverse forme di critica e di messa in discussione del sistema non vivono a lungo senza forme organizzate di contrapposizione dei più deboli con i più forti.

Ecco perché lanciamo una campagna straordinaria di tesseramento a Rifondazione Comunista. Lo facciamo nel nostro piccolo mossi dalla grande ambizione di ridare forza a un progetto di prassi collettiva, di contribuire alla costruzione di luoghi comuni di confronto e mobilitazione, come nel caso di Unione Popolare, al di fuori di qualsiasi forma di autoreferenzialità. Lo facciamo con l’ambizione di contribuire alla riscoperta delle ragioni del comunismo, della necessità storica di una forma sociale libera da ogni forma di sfruttamento, della necessità di un mondo liberato dalla guerra che è il tema centrale che figura sulla tessera di quest’anno.

Scriveva Gramsci:” uno degli idoli più comuni è quello di credere che tutto ciò che esiste è naturale esista”. Dobbiamo buttare a gambe all’aria tutti quegli idoli e discorsi che cercano di convincerci della nostra impotenza, i discorsi che parlano solo di crisi o di guerra ma non della possibilità di liberarsene, discorsi che sono in ritardo rispetto a una realtà in ebollizione, discorsi che non agiscono la possibilità di costruire il cambiamento. Iscriversi a Rifondazione Comunista è una scelta per l’oggi e per il domani, la scelta di essere parte di un progetto trasformativo che è contro il presente e che al tempo stesso è animato da una idea di costruzione di futuro.

*Segreteria nazionale,
responsabile Organizzazione Prc-Se

Care compagne e cari compagni

Come sapete abbiamo aderito come Partito alla Staffetta per la Pace del 7 maggio.
Domenica 7 maggio alle ore 12 da ogni chilometro del percorso parte un/una portabandiera della pace con eventuali accompagnatori/trici così che tutta Italia contemporaneamente percorre un km per 4000 km.
Alla conclusione del chilometro chi vuole può proseguire.

Facendo riferimento alla circolare già inviata diamo ulteriori indicazioni:

1) fate girare messaggio:

per partecipare alla 'Staffetta per l'umanità' si può mandare messaggio whatssapp al numero 3420191578 indicando nome, cognome, numero di telefono e città di residenza, regione. Verrete ricontattati per info e dettagli.

2) per la staffetta vanno portate le bandiere della pace, ma non vi sono preclusioni di principio alle bandiere di partito, striscioni, cartelli. La cosa migliore che chi porta bandiere del partito o di UP abbia anche quella della pace. Utili i cartelli di cui sotto.

3) contattate referenti regionali dell'organizzazione di Santoro indicati in precedente circolare.

Vi invitiamo quindi, una volta aver concordato la presenza di compagne e compagni alla staffetta come indicato nella precedente circolare a:

- Indossare i cartelli contro la guerra, nelle varie declinazioni, già usati a partire dal novembre scorso e in occasioni delle recenti celebrazioni del 25 aprile, e i cui pdf alleghiamo

- Utilizzare se possibile striscioni che riportino il nostro slogan “fuori la guerra dalla storia”, il cui pdf alleghiamo

- Contattare i media locali a cui inviare comunicati stampa che rimarcano nostra partecipazione alla Staffetta e invitarli al chilometro/spezzone coperto da compagne e compagni nostri

- Realizzare brevi video dei/delle segretari/e delle federazioni/circoli coinvolti nella Staffetta prima della partenza, dopo, durante

- Realizzare brevi video delle compagne e dei compagni (max 1 minuti, registrati in orizzontale, possibilmente utilizzando il microfono delle cuffie per ridurre il disturbo ambientale) alla partenza, ai cambi di staffetta, nei momenti di concentramento di persone

- Fare foto delle compagne e dei compagni impegnate/i nella staffetta

TUTTI I MATERIALI FOTO E VIDEO DEVONO ESSERE MANDATI ALLA MAIL

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
entro le 18.00 di domenica 7 maggio
(se pesanti utilizzare wetransfer)

Sarà richiesta anche una verifica di passaggi sui media locali in cui appaiano le nostre compagne i nostri compagni e in caso il recupero della rassegna stampa, da inviare sempre alla mail di cui sopra.

Buona Staffetta a tutti e a tutte!

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale Prc-Se
Anna Camposampiero, Segreteria Nazionale, Responsabile Comunicazione Prc-Se
Ezio Locatelli, Segreteria nazionale, responsabile Organizzazione Prc-Se

Car@ compagn@

finalmente si parte nel lavoro di costruzione di Unione Popolare nei territori oltre che a livello nazionale.
A tal proposito trasmettiamo gli orientamenti assunti dal coordinamento provvisorio di Unione Popolare in merito alle modalità di adesione per le/gli aderenti singol@ (quelli non iscritt@ ai partiti che hanno dato vita ad UP) e al percorso di costruzione di Unione Popolare nei territori. E' stato infatti positivamente riconosciuto come Unione Popolare debba diventare uno spazio politico comune di cui fanno parte i partiti in quanto tali - con tutti i loro aderenti - e le singole persone che aderiscono individualmente. Tali orientamenti, frutto del lavoro e del confronto di questi mesi, rispecchiano appieno gli orientamenti che abbiamo assunto come Partito in occasione dell’ultimo Comitato Politico Nazionale.
Il Partito è ora chiamato a svolgere, insieme alla campagna straordinaria di tesseramento di Rifondazione Comunista che si terrà dal 6 maggio al 3 giugno, un ruolo propositivo di costruzione dei comitati promotori provinciali, inter o sub provinciali e regionali secondo le modalità previste dal documento in allegato.

Saluti comunisti e buon lavoro

Maurizio Acerbo
Segretario nazionale Prc-Se

Ezio Locatelli
Segreteria nazionale, responsabile Organizzazione Prc-Se

VI RICORDIAMO

L'ATTIVO NAZIONALE SULLA CAMPAGNA STRAORDINARIA DEL TESSERAMENTO AL PARTITO, CHE SI TERRA' DOMANI, GIOVEDI' 4 MAGGIO 2023 ALLE ORE 21.00, IN MODALITA' ON LINE.

Il link per il collegamento alla riunione sarà inviato nella mattinata di domani.

Si raccomanda puntualità e partecipazione.

Car@ compagn@

giovedì 4 maggio 2023, ore 21, è convocato un incontro di tutte le segretarie e i segretari nonché dei responsabili del tesseramento regionali e provinciali Prc-Se per rilanciare con forza una campagna straordinaria di iscrizione a Rifondazione Comunista nel periodo che va da sabato 6 maggio a domenica 4 giugno. Campagna che è già stata assunta in segreteria nazionale e in un primo incontro che si è tenuto nei giorni scorsi con le/i segretari/segretarie e le/i responsabili organizzative/i regionali del Partito. Una campagna che veda coinvolti tutti i Circoli e le Federazioni mettendo al centro i motivi della nostra tessera, ovvero l’opposizione alla guerra, per la pace e la lotta per i diritti sociali fondamentali

Oggi abbiamo una motivazione in più per condurre la campagna. Il Coordinamento nazionale di Unione Popolare, il 28 marzo scorso, ha infatti deciso che: "Tutti gli iscritti alle quattro organizzazioni fondatrici, salvo diversa deliberazione, sono automaticamente aderenti a Up". Questa decisione, che risponde positivamente a quanto votato dall'ultimo Comitato Politico Nazionale del Partito, fa sì che la tessera a Rifondazione Comunista oltre che essere di sostegno al Partito e della sua azione politica dia il diritto - senza ricorso a doppie tessere - di partecipare alla costruzione di Unione Popolare a partire dall'attività, dalle discussioni e dalle decisioni che si prenderanno a livello territoriale, nonché di registrarsi alla piattaforma digitale nazionale (in allestimento) di Unione Popolare. Un risultato importante, in sintonia con la proposta avanzata dal nostro partito, che connota Unione Popolare come uno spazio politico che aggrega sia singoli compagne e compagni che le organizzazioni politiche che - in quanto tali - hanno deciso di concorrere al progetto politico di UP.

Anche in considerazione delle informazioni di cui sopra invitiamo i regionali, provinciali e circoli ad attivarsi da subito per garantire la pubblicizzazione e lo svolgimento della campagna Tesseramento promuovendo iniziative specifiche e il più possibile aperte: feste tesseramento, assemblee pubbliche, iniziative di piazza unitamente alla presa di contatto delle/degli iscritti nell’anno precedente e delle/dei simpatizzanti. L’anno scorso, anche grazie allo svolgimento della Conferenza di Organizzazione, abbiamo avuto un significativo incremento delle iscrizioni segnando una inversione di tendenza rispetto ai due anni precedenti. Poniamoci l’obiettivo, al termine della campagna, di raggiungere lo stesso numero delle/degli iscritte/i dell’anno scorso per poi puntare a un aumento ulteriore del numero complessivo delle adesioni a Rifondazione Comunista. Il costo della tessera rimane invariato rispetto agli anni scorsi: 40 euro per le/gli occupat*, 20 euro per pensionati, precari, disoccupati, giovani comunisti/e.

Nell’incontro del 4 maggio proponiamo di tracciare un quadro delle iniziative da condurre a livello territoriale.

Vi chiediamo fin da subito di dare comunicazione, inviare foto e risultati della campagna tesseramento a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nella mattinata del 4 maggio vi sarà inviato il link per il collegamento alla riunione.

Saluti comunisti e buon lavoro.

Ezio Locatelli
Segreteria nazionale, responsabile Organizzazione Prc-Se

Giancarlo Ilari
Responsabile nazionale Tesseramento Prc-Se

Sabato 22 aprile, dalle ore 15 alle ore 17, è convocata la riunione delle/dei compagn@ in indirizzo con all’ordine del giorno la preparazione della campagna di Tesseramento a Rifondazione Comunista che si svolgerà a partire da sabato 6 maggio sino a domenica 4 giugno. Una campagna che vorremmo preparata per tempo, con il massimo di coinvolgimento delle strutture territoriali, con l'obiettivo di raggiungere e superare le iscrizioni dell’anno scorso. Seguiranno comunicazioni in ordine a iniziative varie.
Tutte/i le compagne/i sono tenut* a partecipare o in caso di impossibilità a garantire la partecipazione di un compagno o compagna della segreteria regionale.
Nella giornata di venerdì sarà inviato link per collegamento.

A presto. Saluti comunisti.

Ezio Locatelli
Segreteria nazionale, responsabile Organizzazione Prc-Se

di Ezio Locatelli -

D’accordo, nei crescenti attriti geopolitici la Francia farà pure il suo gioco in una esibizione di grandeur da vecchia potenza mondiale. Nel dire “basta fare i vassalli degli Usa” l’obiettivo che si prefigge Macron è di fare dell’Europa “la terza superpotenza mondiale” a egemonia francese. Ma è pur vero che l’uscita del presidente francese, nei cui confronti - superfluo dirlo - non nutriamo simpatia alcuna, riflette appieno la condizione di subordinazione e lecchinaggio atlantista cui siamo ridotti in Europa. Svanita ogni velleità di autonomia politica, ogni ruolo di diplomazia di pace sullo scenario internazionale l’Europa si trova appieno invischiata in una guerra che sta distruggendo vite umane, società, ambiente, economie. Di una guerra alimentata con armi e risorse sottratte a sanità, scuola, salari, benessere sociale che è distruttiva per le classi lavoratrici e la comunità umana tutta. Di una guerra che volge verso una precipitazione catastrofica su scala mondiale. Questo il suo senso di marcia. Tanto più la parabola del capitalismo mondiale si avvia verso una spirale discendente tanto più si acuisce lo scontro inter-capitalistico per l’accaparramento di mercati, risorse, capitali, per la spartizione di una torta che si riduce sempre più. In questo quadro il caos è assicurato. C’è una unica possibilità di andare al superamento di questo quadro di guerra economica e militare in crescendo. Oltre a battersi contro il predominio a mano armata di Usa la battaglia da portare avanti è quella per il cambiamento sociale, per una nuova società sottratta ai meccanismi della competizione e del profitto, per un nuovo ordinamento sociale non capitalistico. Proprio per questo la lotta per la pace, contro la guerra dovrà accompagnarsi sempre più a un processo di ripresa della lotta di classe, ovunque, su scala europea e mondiale. Lavoriamo per questo.

Cerca

FB Ezio Locatelli

 

fabrosa

 

Telegram Rifondazione

telegram-appprc190

Skill Alexa

Skill Alexa ANPI

Responsabile organizzazione

Conferenza di Organizzazione

Relazione di Ezio Locatelli

 

Sostieni il Partito


 

COME SOTTOSCRIVERE

  • tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.
  • attivando un RID online o utilizzando questo modulo
  • con carta di credito sul circuito sicuro PayPal (bottone DONAZIONE PayPal sopra)

Ricordiamo che le sottoscrizioni eseguite con la causale erogazione liberale a favore di partito politico potranno essere detratte con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno