muos1

Al termine di un vertice fra il governo e la regione siciliana per esaminare la situazione creatasi in merito al Muos, l'impianto satellitare americano in costruzione a Niscemi in provincia di Caltanissetta si è concluso che Le antenne americane non saranno istallate fino a quando non saranno disponibili i risultati dello studio dell'impatto sull'ambiente e sulla salute delle popolazioni interessate.

Nella nota di palazzo Chigi si legge che "E' stato convenuto di rispondere alle preoccupazioni delle popolazioni locali con lo studio di un organismo tecnico indipendente sulla valutazione dell'impatto sull'ambiente e sulla salute delle popolazioni interessate dalle emissioni elettromagnetiche".

Leggi tutto...

Il Parlamento ha autorizzato in fretta e furia, e a Camere sciolte, i cementifici ad incenerire rifiuti attraverso l'approvazione dello "Schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente il regolamento recante disciplina dell'utilizzo di combustibili solidi secondari (CSS), in parziale sostituzione di combustibili fossili tradizionali, in cementifici soggetti al regime dell'autorizzazione integrata ambientale".

 

E' l'ennesimo scempio ambientale ai danni dei cittadini, fatto per favorire la lobby dei cementieri in crisi.

L'11 febbraio è prevista la discussione in Commissione alla Camera: chiediamo che venga bloccata questa decisione scellerata.

 

La sola alternativa alla gestione dei rifiuti, purtroppo come sappiamo settore in cui le mafie e la criminalità organizzata spadroneggiano, è un piano che preveda la raccolta differenziata finalizzata alla riduzione, il riuso e il riciclo dei rifiuti.

 

No alla trasformazione dei 59 cementifici presenti in Italia in inceneritori di rifiuti.

aeegADESIONE ALLA MOBILITAZIONE NAZIONALE CONTRO IL NUOVO METODO TARIFFARIO TRANSITORIO PER L’ACQUA

 

“Il PRC aderisce alla mobilitazione nazionale del Forum italiano dei movimenti per l’acqua del 25/26 gennaio prossimi nelle principali città italiane contro il nuovo metodo tariffario per i servizi idrici introdotto proditoriamente dall’Autorità per l’energia il 28 dicembre 2012.” “ Denunciamo il nuovo metodo tariffario adottato nel più clamoroso silenzio dei media, ci impegniamo a  contrastarlo, –dichiara la Responsabile nazionale Ambiente e Beni comuni Rosa Rinaldi –  perché, eludendo il risultato del referendum del giugno 2011 viola la volontà popolare di 27 milioni di cittadini che si sono espressi, inequivocabilmente, per abrogare le norme volute dal Governo Berlusconi che favorivano il ricavo di profitti dalle tariffe sull’acqua.

Leggi tutto...

Il forum dei movimenti per l’acqua presenta la proposta di legge regionale d’iniziativa popolare per la ripubblicizzazione del servizio idrico

 Negli ultimi anni anche in Calabria, come nel resto d’Italia, si è diffusa la consapevolezza sociale dei rischi connessi alla mercificazione del bene comune acqua, e dimostrazione ne è la vittoria dei Sì ai referendum del giugno 2011: 780mila calabresi, oltre la metà degli aventi diritto al voto, si sono espressi chiaramente contro la privatizzazione del servizio idrico, sostenendo i quesiti referendari promossi dal Comitato “2 Sì per l’Acqua Bene Comune”.

Leggi tutto...

Documentazione e articoli tratti da http://leventicinqueundici.noblogs.org

Adesso è successo di tutto e di più: il fermo dell'Ilva, il Decreto del governo, persino il tornado. E l'Italia si è dovuta accorgere di Taranto, della sua gente che respira polvere di ferro, degli operai che muoiono di cancro, delle madri che sono costrette a dare latte alla diossina ai neonati, e tutti si sono concentrati sull'Ilva per convincersi che hanno un cuore, ma anche per non vedere tutto il resto. Una città di circa 180.000 persone chiusa in una cintura di veleni, perché l'Ilva è solo una parte del problema. In quel “territorio a perdere” ci sono l'Enel, la base Nato  con i suoi sottomarini atomici e chissà quali altre diavolerie; l'Arsenale della Marina Militare, la Cementir che scarica nel Mar Piccolo, due tra le discariche più grandi d'Europa e due inceneritori.

Clicca qui per continuare a leggere 

Sostieni il Partito con una